rotate-mobile
Elezioni Comunali Roma 2021

INTERVISTA | Nadia Bengala (Con le donne per Roma): "Virginia ha avuto un coraggio unico. Il M5s? Si è alleato con il potere"

Da Miss Italia a "Wonderella", così si definisce la showgirl italiana che chiude col passato: il suo, da valletta, ma soprattutto col M5s, da cui è delusa

Nadia Bengala torna sotto i riflettori. Nulla a che vedere però col televoto che la premiò nel '88 come Miss Italia. La sua giuria sono ora i cittadini delle elezioni amministrative di Roma, a cui partecipa aderendo alla lista femminista di Virginia Raggi, "Con le donne per Roma", tra le sei che la Sindaca schiera per tentare il bis al Campidoglio.

Da Miss Italia a "Wonderella", così si definisce la showgirl italiana, valletta di "Ok il prezzo è giusto" con Iva Zanicchi, non è la prima volta che Nadia Bengala tenta di fare il salto dal mondo dello spettacolo, a quello della politica. Già nel 2009 si schierò con La Destra di Buontempo e Storace, risultando la prima dei non eletti a Pescara. Oggi, ci riprova come "umile cittadina", senza fasti della campagna elettorale, per diventare damigella o paladina della Sindaca Raggi, che difende a spada tratta. 

In principio si presentò alle europee, a fianco di Buontempo e Storace. Cosa l’ha portata ad abbandonare la destra e candidarsi oggi a sostegno di Virginia Raggi?

“Parto dicendo che io non mi sono candidata, ma me l’hanno proposto, perché da anni sostengo l’operato di Virginia Raggi. Però sì, non lo nego, avevo una grande simpatia per Berlusconi e per Forza Italia, ma ne sono rimasta un po’ delusa, per questo poi mi sono avvicinata alla Sindaca”

Cos’è che l’ha delusa?

“Berlusconi è una persona meravigliosa ma penso che negli anni si sia circondato di persone sbagliate….”

È quello che molti elettori pensano sia successo anche della Sindaca in questi ultimi 5 anni. Lei invece cosa pensa sia successo durante il suo mandato?

“Ma certo che è successo! Virginia in questi anni ha lavorato bene, tutti l’hanno boicottata, non è mica un caso che siano andati a fuoco cassonetti, pullman…. Dava fastidio a qualcuno che non poteva più rubare da quando è arrivata a Roma”

Secondo lei quindi non c’è stato mai un attimo di defiance della Sindaca fino a oggi?

“All’inizio forse le si poteva additare di non essere capace, ma nelle cose doveva entrarci, è innegabile che i conti di Ama dal 2003 al 2015 fossero finti. I soldi di Ama sono purtroppo nelle tasche di qualcuno e se oggi i conti sono risanati, il merito è di Virginia, lei ha risistemato i conti”

Lei da sola o insieme al Movimento?

“Io sostengo solo e soltanto lei, sono un’umile cittadina e mi fido della Sindaca, che è una persona onesta, lo ha dimostrato in questi anni con tante battaglie, sullo sport, nella lotta ai Casamonica, sulle strade della città, alcune risalenti a 30 anni fa. Ci sono quartieri che hanno cambiato volto grazie a lei, parchi che prima erano discariche e ora sono come nuovi”

Cos’è invece del Movimento che non la trova d’accordo?

“Doveva essere il partito del cambiamento, ma ha finito per seguire la scia del potere. Come per Di Maio, che per anni ha sempre detto ‘No inciuci col Pd” e poi abbiamo visto cos’è successo, si sono alleati con il potere”

Invece il suo supporto a Raggi è fin dalle origini?

“A dire il vero io non ho votato Virginia 5 anni fa, ma la lista ‘5 stelle per il cambiamento’. Oggi però la voto e la sostengo, come Sindaca e come persona. Il mio primo input motivazionale verso Virginia e la politica è la fiducia che nutro verso di lei, ha avuto ‘due palle da montone, un coraggio unico, che scherza!”

Tornando invece alla natura della sua lista, come donna, trova corretto che la Sindaca dica che è l’unica candidata al Comune? C’è una Guerra Fredda tra lei e Monica Lozzi da alcune settimane….

“Quello che posso dire è che ci saranno altre donne al suo fianco, non deve esserci mai competizione tra di noi, ma collaborazione. Mi rammarico di non averla vista mai nei confronti di Virginia, che è stata attaccata in tantissimi talk e trasmissioni televisive. Mai nessuno a difenderla, le danno tutti e tutte addosso, soprattutto sulle piste ciclabili. Non è vero che non servono a nessuno"

Ma da donna, da candidata e a nome della lista che rappresenta, qual è il contributo femminile nella politica di Roma oggi?

"Mi piacerebbe ci fossero più donne in politica, noi rispetto agli uomini siamo più mamme, gli uomini per assecondare la loro ascesa in politica sono più abituati al compromesso. Ma io non faccio testo: mi chiamano Wonderella, un po' Wonder Woman, un po' Cinderella. Unisco l'energia di una all'operosità in casa di Cenerentola".

Come candidata invece di "Con le donne per Roma", quali saranno le vostre battaglie, ad aggiungersi a quelle della Sindaca?

“Sicuramente il contrasto alla violenza sulle donne, permettere che abbiano più voce nel mondo della cultura. Ho organizzato per anni eventi, ma molte proposte le penserò a mano a mano…”

Sì, però se dovesse pensare a una sua priorità da mettere in campo su Roma, quale sarebbe?

“Ah le assicuro che realizzerò un progetto pazzesco per ridurre l’immondizia di Roma e ripulire la città. Il Lazio oggi ha una discarica e mezzo, la Lombardia almeno 30 rispetto a noi. Ancora non mi spiego perché i nostri rifiuti finiscano in Olanda, Svezia e Norvegia. Farò in modo che Roma abbia un respiro europeo”.

Rinuncerebbe quindi all’organizzazione eventi, al mondo dello spettacolo e ai riflettori per Virginia?

“Non è un caso che io non abbia fatto alcuna campagna elettorale. Quando credo in qualcosa mi ci dedico con tutto l’animo, e io credo in Virginia. Se la politica dovesse essere la mia strada, mi ci dedicherò con tutto l’impegno possibile”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INTERVISTA | Nadia Bengala (Con le donne per Roma): "Virginia ha avuto un coraggio unico. Il M5s? Si è alleato con il potere"

RomaToday è in caricamento