Mercoledì, 4 Agosto 2021
Elezioni Comunali Roma 2021

INTERVISTA | Francesca Severi (Calenda Sindaco): "Per il XII Municipio proponiamo il tram-ovest"

Abbiamo dialogato con la candidata presidente per Monteverde: "No a nuove discariche e impianti nella Valle Galeria. Focus su scuole e semplificazione amministrativa".

"Questo municipio è stato lasciato a sé stesso e ciò si vede dalla densità di comitati di quartiere: ce n'è quasi uno per strada. Questo vuol dire che è stato dato sempre qualcosa a qualcuno ma mai portato a termine un progetto organico. Questo municipio deve essere guidato, invece in maniera chiara, semplice, a partire dal rapporto fra cittadini e amministrazione": Francesca Severi, già coordinatrice del tavolo di programma per il XII Municipio, è la scelta della lista Calenda Sindaco per la presidenza della dodicesima municipalità. L'abbiamo sentita al telefono, fra impegni di programma, Valle Galeria e possibili apparentamenti al ballottaggio. "Qui intendo", ci spiega, "ad esempio il sistema di presa in carico degli appuntamenti da parte dell'amministrazione municipale, ma anche della comprensibilità del bilancio dell'istituzione. Io con la mia squadra ci abbiamo messo tre mesi per capire il quadro finanziario del nostro ente. Senza costruire questa fiducia di fondo fra cittadini e istituzioni non si può fare nulla". 

Severi, di cosa si occupa nella vita all'infuori della politica? 

Lavoro nell'ambito delle strategie di innovazione di modelli di business, con particolare attenzione all'analisi dei mercati e delle possibiilità aperti dalla digitalizzazione: smart city, smart home, smart retail, sanità e scuola digitale. Mi occupo anche di Internet of Things e di molti altri versanti dell'innovazione e digitalizzazione. 

Tre punti programmatici per il municipio.

Partiamo senz'altro dalle scuole che in questi anni hanno avuto vicende negativissime, sono state abbastanza abbandonate e, ad esempio, bisogna semplificare al massimo il processo manutentivo. Serve una regolamentazione della politica delle ditte, serve più facilità, più trasparenza e meno necessità da parte delle scuole di capire a chi tocca fare i lavori, quanto manca e a che punto sono le commesse. Per le scuole dell'infanzia, esse si devono allineare alle esigenze dell'utenza. La parte più giovane del municipio risiede all'esterno, fra via della Pisana e a via di Bravetta: qui c'è maggiore necessità di questo servizio e, per contro, redditi familiari e potere d'acquisto inferiori anche per usufruire di servizi privati come babysitter. Serve così sensibilizzare per quanto possibile l'offerta pubblica soprattutto in termini di orari che ad oggi sono molto stringenti. Mi occupo di scuola almeno da 10 anni, fra comitati dei genitori e presenza attiva negli istituti e per me questo è un punto qualificante. Secondo, il tema della pulizia e della manutenzione stradale. Monteverde è in una situazione di disfacimento, i marciapiedi sono rotti, le strade meno frequentate sono ormai selvatiche. Siamo al punto in cui dobbiamo capire dove e come si creeranno le nuove voragini, c'è una parte di via Crivelli che è impraticabile mentre la parte fra il mercato e la scuola Toscanini è transennata. Piazza Scotti era diventata in qualche modo un'arteria importante, siamo in estate e il traffico è già bloccato: non voglio pensare a cosa accadrà in inverno. 

A proposito, lei non avrebbe messo mano a piazza Scotti? 

Sì, avrei messo mano a piazza Scotti, così come era era molto dequalificata; oggi però manca un posto dove appoggiare la macchina, e intendo una sorta di parcheggio kiss and go con spazio sosta 15 minuti che è il tempo che serve per interagire con i negozianti della piazza. Rimane il fatto che chi lavora lì oggi è disperato. Terzo punto fra quelli che mi chiedeva è la mobilità; questo è il municipio meno dotato di trasporto su ferro, non c'è la metropolitana, abbiamo 2 fermate della FL5 che è un treno regionale e la FL3, la Roma Viterbo, che si ferma a Quattro Venti, una stazione assolutamente da risistemare perché è un disastro. Di tram c'è solo l'8 che si ferma a via del Casaletto, a via dei Colli Portuensi c'è solo l'autobus. Tutto questo porta a un sovra-uso della macchina da parte dei residenti. Noi proponiamo dei tram, da largo la Loggia fino ai confini del XI Municipio, in fondo a via Portuense, e ad arrivare al municipio XIII. Una sorta di "tram ovest", insomma, che colleghi tre municipi e che possa arrivare fino alla metro di Cornelia, il che per il municipio sarebbe un grande sfogo. Altre idee potranno essere il prolungamento del tram 8, la sistemazione della fermata Roma Aurelia e possibilmente una fermata per Massimina.

I suoi impegni per la Valle Galeria.

Prima di tutto va fatto il capping di Malagrotta, a lungo annunciato e mai fatto. Poi va ripensato integralmente il ciclo dei rifiuti e questo vuol dire che non si può andare avanti con due TMB nella valle che ad oggi lavorano male; né che si può aprire nuove discariche in quell'area visto che c'è stato parere negativo da parte di tutti tutti - Ministero dell'Ambiente, Comune di Roma, persino la sindaca Raggi, all'ultimo. Chiudere il ciclo dei rifiuti significa costruire nuovi impianti che però non potranno essere nella valle Galeria. Credo che questo territorio abbia già dato. 

In caso lei non arrivasse al ballottaggio appoggerebbe il candidato del centrosinistra Elio Tomassetti? 

Non ho avuto l'occasione di confrontarmi con lui sul programma. Lo conosco personalmente e lo reputo una brava persona, ma se mi sono candidata è per fare delle cose operative per il Municipio. Auspico che ci si possa incontrare e discutere di temi concreti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

INTERVISTA | Francesca Severi (Calenda Sindaco): "Per il XII Municipio proponiamo il tram-ovest"

RomaToday è in caricamento