menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Massimo Giletti, foto Ansa

Massimo Giletti, foto Ansa

Giletti candidato sindaco di Roma con il centrodestra: "Non smentisco"

Dopo le indiscrezioni, il conduttore di Non è l'Arena usa l'ironia: "Ogni tre mesi mi spostano da Torino a Roma a Palermo... Ma non smentisco..."

Massimo Giletti candidato sindaco di Roma per il centrodestra alle prossime comunali 2021. L'indiscrezione uscita ieri dalle pagine de Il Messaggero, suggestiona il dibattito politico, complice la non smentita del diretto interessato. "Ogni tre mesi mi spostano da Torino a Roma a Palermo... Ma non smentisco...", ha dichiarato il conduttore di Non è l'Arena  in diretta su Rtl 102.5, dove il venerdì mattina conduce 'Giletti 102.5' con Luigi Santarelli. "Mi fa sorridere che mi accoppino a tutte le città, ma non smentisco".

Cosa c'è di vero? Torinese di nascita, radicato nella città di Roma per lavoro, Giletti è senz'altro figura gradita nel centrodestra dove vanta un'amicizia con Salvini e il gradimento della Meloni. Il vuoto di nomi al momento sul tavolo e il profilo civico più volte indicato dai leader della coalizione, rende Giletti un candidato credibile. L'ironia dello stesso giornalista nel non confermare e non smentire, vale forse meno del silenzio sul tema dei vari Meloni, Salvini, Tajani, di solito pronti a soffocare i nomi che escono sulla stampa. 

Di certo c'è che quella della prossima primavera è una partita che si giocherà su 5 grandi città e nella coalizione si ragiona ad una spartizione delle candidature. Nei giorni scorsi il primo incontro ufficiale per ragionare sulle candidature. E se un anno fa, forte del trionfo alle europee, Salvini sembrava poter vantare la possibilità di piazzare un proprio nome, le recenti evoluzioni politiche e l'ultima tornata elettorale, che ha ridimensionato il leader della Lega, sembra aver rimesso tutto in discussione. 

Fratelli d'Italia, radicatissima su Roma, vuol fare la voce grossa ma non sembra avere un nome spendibile. Forza Italia - tralasciando le uscite di Gasparri - al momento non lascia trapelare molto. Un silenzio che potrebbe nascondere la soluzione, ovvero quell'Antonio Tajani già sconfitto da Veltroni nei primi anni 2000. Ora, forte dell'esperienza da presidente del parlamento europeo, e dalla forza all'interno di Forza Italia, potrebbe riprovarci con rinnovate speranze.  

Intanto Giletti, ironia della sorte, domenica a Non è l'Arena, intervisterà in esclusiva Salvatore Buzzi, uno degli imputati principali del processo Mondo di Mezzo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento