Lunedì, 27 Settembre 2021
Elezioni Comunali Roma 2021

Elezioni Roma, c’è anche il candidato sindaco antieuropeista che rivuole i sesterzi

Gilberto Trobetta, giornalista 44enne, è il candidato sindaco a Roma di Riconquistare l'Italia, "partito neosocialista e antieuropeista" che punta ad avere candidati in tutti i municipi di Roma

Il calendario dei banchetti per la raccolta firme necessarie alla presentazione della candidatura è fitto di appuntamenti: dalla stazione Jonio a Ostiense, passando per Boccea e Primavalle. Così Riconquistare l’Italia, “partito popolare, democratico, neosocialista e antieuropeista”, punta al Campidoglio e lo fa proponendo “assunzioni, investimenti” e addirittura “l’introduzione di una valuta locale, i sesterzi”. A guidare la scalata a Palazzo Senatorio del partito che vuole ritornare all’antica moneta romana è il candidato sindaco Gilberto Trombetta: giornalista e addetto stampa di 44 anni, nato a cresciuto nella Capitale. 

“Roma ha tanti problemi, ma una buona parte delle sue inefficienze dipende dalla mancanza di lavoratori e di investimenti” – spiega il Trombetta.  “Il ‘merito’ è da attribuire, oltre alla disastrosa gestione da parte delle ultime amministrazioni, ai vincoli imposti dall'Unione Europea. Roma è grande quanto le altre 9 città più grandi d'Italia. Tutte insieme. Ha una complessità gestionale dovuta alle sue dimensioni e al numero di residenti unica in Italia. Eppure ha un rapporto di dipendenti comunali rispetto alla popolazione tra i più bassi d'Italia: 8,3 ogni 1.000 abitanti rispetto ai 10,8 di Venezia, ai 10,7 di Torino e ai 10,5 di Milano. Solo rispetto al capoluogo lombardo, mancano infatti circa 8.000 dipendenti. I soldi per assumere ci sarebbero. Quella che manca - sostiene il partito - è la volontà politica. Ci sono sacche di vero spreco su cui intervenire (come le esternalizzazioni dei servizi). Ci sono opportunità mancate per aumentare le entrate nelle casse comunali senza gravare sulle tasche dei romani. E dove non si può investire a causa degli stringenti vincoli di bilancio, si potrebbe comunque intervenire grazie all’introduzione di una valuta complementare locale, i sesterzi”. 

Per la prima volta, le forze dell’area socialista e anti-europeista si uniscono per fare fronte comune: nella lista ci saranno infatti candidati provenienti da altre realtà come Vox Italia e Italexit con Riconquistare l'Italia pronta a candidarsi in tutti i 15 Municipi di Roma. Dopo Nerone sindaco, c’è chi vuole tornare ai sesterzi. 

Gilberto Trombetta-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Roma, c’è anche il candidato sindaco antieuropeista che rivuole i sesterzi

RomaToday è in caricamento