Domenica, 24 Ottobre 2021
Elezioni Comunali Roma 2021

Elezioni Roma, Gualtieri "ispirato" da Veltroni: "Faremo una grande Notte Bianca"

Il candidato sindaco del centrosinistra incontra l'ex primo cittadino, che commenta così le continue polemiche tra Raggi e Zingaretti: "Ai miei tempi c'erano Storace in Regione e Moffa in Provincia, ma non discutevamo mai"

Un tuffo nel passato, quello compiuto da Roberto Gualtieri ieri sera, martedì 28 settembre, durante il Festival delle Città al Pio Sodalizio dei Piceni: "Appena sarà possibile, faremo una bella e grandissima notte bianca". Il candidato sindaco del Centrosinistra, d'altronde, aveva accanto Walter Veltroni, che della Notte Bianca a Roma aveva fatto un marchio distintivo, un motivo di vanto e di gemellaggio con altre capitali europee tra cui Parigi, Bruxelles, Madrid. 

Le parole dell'ex Ministro arrivano esattamente 18 anni dopo la prima edizione andata in scena tra il 27 e il 28 settembre 2003, rimasta nella memoria collettiva per il più grande blackout della storia del Paese. "Una cosa importante che Walter ha fatto - ha proseguito Gualtieri - è stata anche l'attenzione alla coesione sociale e la vicinanza alle persone più fragili. In quegli anni sono state fatte cose straordinarie in questa direzione". 

Poi Veltroni commenta sia gli ultimi anni di governo della città, sia le prospettive per il futuro: "Chi governa sa che le cose bisogna avere il coraggio di farle - il commento dell'ex sindaco - e non bisogna mai avere paura a fare. È stata persa una grande occasione con le Olimpiadi, che certamente sarebbero arrivate a Roma con grande beneficio per la città. Una città è il fare, non il non fare o il rinviare". In tal senso viene ben accolta la scelta del presidente Mario Draghi di candidare la Capitale all'Expo 2030. "E' tanto tempo che Roma non riceveva tanta attenzione come quella che Draghi ha saputo assicurare con questa proposta".

Sulle continue schermaglie tra Virginia Raggi e Nicola Zingaretti, Veltroni ricorda che ai tempi della sua amministrazione "il presidente del Consiglio era Berlusconi, il presidente della Regione era Storace e quello della Provincia Moffa di Alleanza Nazionale - sottolinea Veltroni - . Tuttavia rileggendo le cronache di quegli anni non si trovano facilmente polemiche tra di noi. Pur avendo opinioni diverse ognuno interpretava il suo ruolo come deve essere. In modo istituzionale. O ragioni così o non puoi fare il sindaco, nemmeno in un Comune di 300 abitanti. I sindaci non possono essere identificati come una parte politica".

"Roberto Gualtieri è la persona giusta per questo tipo di sfida - la chiusa di Veltroni - perché tra le sue qualità principali c'è la competenza, esattamente ciò di cui Roma ha bisogno".  In serata è arrivato il ringraziamento di Gualtieri su Twitter: "Davvero grazie a Walter Veltroni per queste parole. Il suo esempio ci aiuterà a far rinascere Roma".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Roma, Gualtieri "ispirato" da Veltroni: "Faremo una grande Notte Bianca"

RomaToday è in caricamento