Elezioni Comunali Roma 2021 Montesacro / Piazza Sempione, 15

Elezioni Municipio III, sarà ballottaggio tra Marchionne e Petrella. Tracollo M5s

Sfida tra titani nel secondo turno del Roma Montesacro. Intanto il Pd è il primo partito del Municipio III, secondo in crescita FdI, Calenda terzo. Si dissolve l'ex feudo del M5s che si ferma al 7,66%, venti punti in meno rispetto al 2016

Seggi chiusi, spoglio eseguito. In Municipio III, come nel resto dei quattordici territori della città, il nuovo presidente si deciderà al secondo turno. Il 17 e 18 ottobre sarà ballottaggio tra Paolo Marchionne, candidato del centrosinistra, e Giordana Petrella, candidata del centrodestra. 

Elezioni Municipio III: sarà ballottaggio Marchionne-Petrella

Due veterani della politica in quel del Roma Montesacro. Paolo Marchionne: prima consigliere di opposizione poi, nel 2013, vinte le primarie contro Riccardo Corbucci, la candidatura a presidente e l’elezione superando il candidato di centrodestra, Cristiano Bonelli. Esperienza interrotta dalla caduta del sindaco Ignazio Marino. Nel 2016 elezioni perse, al ballottaggio, contro la candidata grillina Roberta Capoccioni, anch’essa caduta poi anzitempo.

Giordana Petrella eletta nel 2008 e successivamente nel 2013, 2016 e 2018 da tredici anni è la donna da sempre più votata nelle fila del centrodestra in Municipio III. Una sfida tra titani. 

Elezioni Municipio III: risultato primo turno

Il primo turno ha visto in vantaggio Marchionne con il 35,33% dei voti (sezioni pervenute 170 su 183, 92.90 %); Petrella staccata di poco si è fermata al 31,46%. Terza la candidata della lista Calenda sindaco, Marta Marziali, con 14,87%; Dario Quattromanidel M5s non va oltre il 14,5%. 

Pd primo partito a Montesacro ma in flessione dal 2018

Il primo partito del Roma Montesacro è il Pd che conquista il 19,23% tornando sui livelli del 2016 quando si assestò al 19,8. Flessione rispetto alle elezioni amministrative del 2018 (quelle indette dopo la caduta della Giunta Capoccioni ndr.) che regalarono ai dem in appoggio a Giovanni Caudo il 24.8%. Roma Futura prende il 5,48% e si afferma come seconda forza del centrosinistra, davanti anche alla civica di Gualtieri (4,95%).

Cresce Fratelli d’Italia al 17,61%: nel 2018 raccolse poco meno del 10%, due anni prima il 12,14. Terzo partito all’ombra di Piazza Sempione la lista Calenda sindaco con il 14,61%.

A Montesacro tracollo del M5s

Tracollo per il M5s che passa dal 27,09% del 2016 al 7,66% di oggi. Nel 2018 era al 19,31%. Fiducia per la lista civica di Virginia Raggi che prende 5,91%. Si dissolve così quello che fu il feudo grillino: roccaforte di Marcello De Vito, oggi in Forza Italia, e Roberta Lombardi, entrata nella giunta giallorossa guidata da Nicola Zingaretti.

La Lega, che dal 2016 al 2018 aveva guadagnato quattordici punti percentuali passando dal 2,64% al 16,25%, piomba al 5,86%. Stabile Forza Italia al 4,7%. 

In Municipio III affluenza al 51,66%: il territorio romano in cui, oltre al II, hanno votato più elettori. Al secondo turno i candidati cercheranno di convincere gli astenuti e chi al primo ha sostenuto aspiranti presidenti e liste diverse: a cominciare dal M5s e dalla lista di Calenda. Anche a Montesacro nulla è scontato. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Municipio III, sarà ballottaggio tra Marchionne e Petrella. Tracollo M5s

RomaToday è in caricamento