Elezioni Comunali Roma 2021

Elezioni Roma, i nomi degli eletti se vince Michetti e se vince Gualtieri. Occhio ai ricorsi

Chi vincerà avrà 29 consiglieri su 48. A guidare la prima seduta sarà la regina delle preferenze Rachele Mussolini (FdI). Una manciata di voti separa Bordoni e Santori nella Lega, si attende il Viminale per capire chi entrerà in caso di vittoria del Centrosinistra

Il 17 e 18 ottobre i romani torneranno alle urne per decidere chi, tra Roberto Gualtieri ed Enrico Michetti, sarà il prossimo sindaco della Capitale. Una scelta che influenzerà, come ovvio, la composizione della nuova Aula Giulio Cesare in Campidoglio e determinerà i nomi dei nuovi consiglieri, che seguiranno con estremo interesse lo spoglio del lunedì per capire chi, grazie alle preferenze ottenute al primo turno, potrà entrare in assemblea e chi invece ne rimarrà fuori. Di sicuro nessuna delle liste fuori dalle principali coalizioni eleggerà consiglieri, avendo ottenuto meno del 3% necessario. 

Come ricorda l'agenzia Dire, chi vincerà avrà al suo fianco una maggioranza molto ampia (60%), ovvero 29 consiglieri su 48 che vengono ripartiti tra le liste appartenenti alla coalizione. Un seggio assicurato ce lo avrà Rachele Mussolini (FdI), la regina delle preferenze con 8.264 voti: sarà lei a presiedere l'aula per la prima seduta. Ovviamente è fondamentale il passaggio al Viminale, che dovrà ratificare le preferenze: attenzione alle sorprese, con Davide Bordoni e Fabrizio Santori che potrebbero litigarsi un posto in caso di vittoria del Centrosinistra: in quel caso, infatti, la Lega elegerebbe solo due consiglieri, con Simonetta Matone (4818 preferenze) sicura di entrare. Al momento Santori la segue con 3.432 preferenze, Bordoni è terzo con 3.406 ma secondo quanto si apprende potrebbe aver preso più voti di quelli indicati dal sito del Comune di Roma, si sente dunque odore di ricorso. 

Se vince Gualtieri

Qualora dovesse trionfare l'ex Ministro delle Finanze ed eurodeputato del Pd, il partito di Enrico Letta porterebbe in assemblea capitolina 18 consiglieri - ma potrebbe scattare il diciannovesimo seggio in sede di ricalcolo con il metodo D'Hondt - , con 5 della Civica, 2 di Sinistra Civica Ecologista, 2 di Roma Futura, 1 di Demos e 1 di Europa Verde, quest'ultimo però a rischio per il ricalcolo di cui sopra. Per il Pd diventerebbero consiglieri Sabrina Alfonsi (presidente uscente del I Municipio), Maurizio Veloccia, Svetlana Celli, Andrea Alemanni, Yuri Trombetti, Giulia Tempesta, Erica Battaglia, Carla Fermariello (assessora al sociale uscente del II Municipio), Claudia Pappatà, Giovanni Zannola, Nella Converti, Lorenzo Marinone, Mariano Angelucci, Riccardo Corbucci, Antonio Stampete, Giammarco Palmieri, Valeria Baglio e Daniele Parrucci. Per la lista civica creata da Alessandro Onorato avremmo Giogio Trabucco, Carmine Barbati, Monica Lucarelli, Elisabetta Lancellotti e Tommaso Amodeo. Sinistra Civica Ecologista eleggerebbe Alessandro Luparelli e Michela Cicculli (entrambi espressione di Liberare Roma), mentre Roma Futura occuperebbe i due seggi con Giovanni Caudo e Claudia Pratelli, rispettivamente presidente e assessora alla Scuola uscenti del III Municipio. Demos piazzerebbe il suo capolista Paolo Ciani, Europa Verde Nando Bonessio. Qualora scattasse il diciannovesimo posto grazie al ricalcolo ufficiale, ecco che si aprirebbe la strada dell'Aula Giulio Cesare per Antonella Melito (1.563 preferenze), a discapito di Nando Bonessio. Qualora non scattasse il seggio in più, c'è comunque possibilità che qualcuno dei non eletti entri se Gualtieri decidesse di portare in giunta uno - o più - degli eletti. Con una "combo" tra seggio premium ed eletto nominato assessore, Cristina Michetelli con le sue 1.397 preferenze scalderebbe i motori. Carlo Calenda si siederebbe in aula insieme agli ex Pd Valerio Casini (assessore al Commercio uscente del II Municipio), Francesca Leoncini (anche lei con deleghe al Commercio ma in III) e Dario Nanni, oltre alla giovane Flavia De Gregorio, già consigliera di Azione in I Municipio e Francesco Carpano. Il resto della minoranza sarebbe composta da Enrico Michetti innanzitutto, poi Rachele Mussolini, Giovanni Quarzo, Francesca Barbato, Andrea De Priamo e Lavinia Mennuni per Fratelli d'Italia. La Lega come detto prima verebbe rappresentata da Simonetta Matone sicuramente, per il secondo seggio potrebbe esserci bagarre tra Santori e Bordoni (già consigliere ai tempi di Marino). Marco Di Stefano sarebbe l'unico consigliere eletto per Forza Italia. La sindaca uscente Virginia Raggi sarebbe accompagnata dall'assessora alle Infrastrutture uscente di Roma Capitale Linda Meleo e il già consigliere Paolo Ferrara per il M5S, l'assessore uscente al Personale Antonio De Santis per la lista civica. 

Se vince Michetti

In caso di vittoria dell'ex tribuno di Radio Radio, il partito di Giorgia Meloni porterebbe in Aula Giulio Cesare 17 consiglieri: Rachele Mussolini (come detto la più votata tra tutte le liste), Giovanni Quarzo, Francesca Barbato, Andrea De Priamo, Lavinia Mennuni, Federico Rocca, Stefano Erbaggi, Mariacristina Masi, Giovanni Ottaviano, Alessandra Consorti, Dario Antoniozzi, Francesco Figliomeni, Fulvio Giuliano, Giuseppe Scicchitano, Roberto Cipolletti, Marco Visconti e Francesco Cuomo. Matteo Salvini verrebbe rappresentato a Roma da Simonetta Matone (prosindaca), Davide Bordoni, Fabrizio Santori, Maurizio Politi, Flavia Cerquoni ed Efrem Angelo Valeriani. Per Forza Italia si avrebbero Marco Di Stefano, Simone Foglio e Rocco Belfronte. Antonio De Napoli e l'ex medico sociale della Roma Mario Brozzi rappresenterebbero la Civica, con Alessandro Balli per Rinascimento di Sgarbi. Sette seggi dell'opposizione andrebbero a Calenda, quindi ai già citati consiglieri eletti si aggiungerebbe Bruno Schiaramazzi. Stesso numero di eletti per il Centrosinistra: uno sarebbe Gualtieri, i 5 del Pd sarebbero Alfonsi, Veloccia, Celli, Alemanni e Trombetti mentre per la Civica solo Trabucco. Daniele Diaco, già portavoce Cinquestelle in consiglio, riuscirebbe a rientrare per il M5S insieme ai tre già citati e a De Santis della Civica. 


   
 

 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni Roma, i nomi degli eletti se vince Michetti e se vince Gualtieri. Occhio ai ricorsi

RomaToday è in caricamento