Elezioni Comunali Roma 2021

Comunali 2021, Cirinnà: "Calenda? Se vuole essere democratico passi da primarie. Possiamo farle on line"

La senatrice Pd contraria all'appoggio a Calenda senza primarie. E per superare le questioni sanitarie legate al covid, propone una votazione in rete

Monica Cirinnà, immagine d'archivio

"Facciamo le primarie on line". A lanciare la proposta la senatrice, ex consigliera comunale di Roma, Monica Cirinnà intervistata a Un giorno da pecora su Rai Radio 1. Commenta la discesa in campo di Carlo Calenda candidato sindaco alle comunali 2021 e un eventuale appoggio del Pd e della coalizione al suo nome. Per lei non si parla di alcun sostegno a Calenda senza elezioni primarie. 

"Se vuole essere democratico deve farle" dice ancora. Se pensa di vincere, dato che anche lei è tra i partecipanti come ha già annunciato da tempo? "Sarebbe una bella sfida, con lealtà e limpidezza". Poi non le manda a dire all'ex compagno di partito. "Quando c'è Calenda c'è solo lui, ha addirittura saputo parlar male delle primarie e di Sassoli e Gentiloni". Chiamare gli elettori ai gazebo durante la seconda ondata della pandemia di covid-19? A sollevare il problema è stato lo stesso ex ministro. "Allora facciamole on line. Come fanno i Cinque Stelle, abbiamo la piattaforma Immagina" propone la senatrice. 

Per il momento Calenda non ha escluso in assoluto la partecipazione alle primarie ma le ha comunque smontate dichiarandosi contrario. "Sono prive di senso in questo momento" ha detto in più occasioni. Anche per questioni sanitarie: "Portare al voto le persone durante la pandemia significherebbe basarsi sul giudizio di pochi iscritti, riducendo la competizione a una disputa di partito". 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali 2021, Cirinnà: "Calenda? Se vuole essere democratico passi da primarie. Possiamo farle on line"

RomaToday è in caricamento