Regionali Lazio 2018

Zingaretti lancia la sua campagna elettorale: "Al via una grande avventura popolare"

Il presidente uscente in cerca di riconferma è partito dall'ex Dogana di San Lorenzo

E' partita dall'ex Dogana di San Lorenzo la campagna elettorale del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, ormai sceso in campo per il secondo mandato. "Da oggi si comincia insieme, questa è una chiamata a raccolta per una grande avventura popolare" le sue parole. "A fine gennaio avremo il programma: in poche settimane dobbiamo costruire un'alleanza, dobbiamo mettere in campo l'idea del buon governo perché il rischio immenso è che la regione torni indietro, cioè si torni alla regione dei mediocri, alla regione che rappresenta un problema per l'Italia". Per i presenti, ad accompagnare le sue parole, panini con la porchetta e vino laziale. Al bando una "campagna d'odio" sintomo di "assenza di idee" convinto che il lavoro degli ultimi cinque anni "ci dà una grande credibilità". 
 
E lancia 50 progetti da realizzare in 1.800 giorni "con un responsabile che ne garantisca la realizzazione". A gennaio presenteremo "le sagre o feste del programma", annuncia, forte della adesione di 202 sindaci del Lazio che già sostengono la sua candidatura: "E' un numero immenso: i sindaci sono eroi di trincea e saranno i protagonisti del nostro programma, li' incontrero' tutti a partire da lunedì". 

Il governatore uscente delinea l'alleanza che intende costruire: "Serve un'alleanza fondata sul civismo, che coinvolga le associazioni culturali e territoriali, un'alleanza aperta, che sappia far stare insieme, unita, la sinistra e aperta alla cultura moderata non conservatrice. Un'alleanza del fare, con obiettivi etici e culturali". 

Per fare cosa? "Dobbiamo creare una regione che renda più forte chi è più debole, chi merita e chi crea. Per fare questo servono le risorse perche' le buone idee possano vincere". Zingaretti avverte: "Sarà una battaglia durissima, mi candido per il governo del Lazio ma non solo: è importante che si muova un popolo all'insegna dell'allegria e della partecipazione. Questi 5 anni- ammette in chiusura- sono stati anni duri, anche drammatici in cui ho anche pensato di mollare, ma sono stati 5 anni anche straordinari. Darò tutto me stesso; se lo faremo insieme non ci sarà partita e vincerà il Lazio che merita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zingaretti lancia la sua campagna elettorale: "Al via una grande avventura popolare"

RomaToday è in caricamento