Regionali Lazio 2013

Regionali, Polverini: “Election day? Decide il governo non io”

Sulle elezioni: "Nessuno ha mai detto aprile. Il tempo massimo è febbraio a meno che non ci sia l'election day. Io sindaco? Alemanno è in campo"

Renata Polverini, ex governatrice del Lazio, dopo le ultime convulse settimane che hanno coinvolto e sconvolto la Regione travolta dallo scandalo Fiorito e, quindi, dalle sue dimissioni, si gode un po' di calma tenendo per le briglie l'ultimo compito rimastole: la data delle elezioni.
In un'intervista rilasciata al Corriere della Sera Polverini parla dell'andata alle urne, di election day, ma anche della corsa al Campidoglio che, dopo la candidatura di Zingaretti alla Regione, sembra quasi arrestarsi. Zingaretti, intanto, la sua sulla data delle elezioni l'ha detta già: "E' grave il tentativo di rinviare il voto al 2013, la frattura tra cittadini e istituzioni si aggraverebbe di piu".

ELECTION DAY - Sul possibile election day Polverini chiarisce subito: “Lo decide Palazzo Chigi, non io. Non so se i cittadini si seccherebbero a votare due volte in due mesi" chiarendo che firmerà il decreto "solo quando ci sarà una data certa" ma che "prima del 6 novembre non si può perché c'è il ricorso sul decreto taglia-province". Nel Lazio, insomma, si voterà "quando decideremo, insieme al ministro Cancellieri e al prefetto Pecoraro, la data giusta". Comunque "nessuno ha mai detto aprile. Ne ho parlato anche con il ministro: non voglio né anticipare né ritardare" e per legge "il tempo massimo è febbraio" a meno che non ci sia l'election day, appunto, ma quello "lo decide il governo non io".

CANDIDATI DI CENTRODESTRA- Più che proporre Polverni  disfa alcune ipotesi che starebbero circolando: “Augello ha già fatto l'assessore al Bilancio. Tajani ha perso diverse competizioni elettorali. Non mi pare possano rappresentare una svolta". Quindi esclude categoricamente una sua possibile candidatura con un: “Non sarebbe giusto”.


ELEZIONI COMUNALI – Inevitabile un accenno alla situazione politica della capitale dopo la candidatura di Nicola Zingaretti alla Regione. Anche qui l'ex governatore del Lazio smentisce una sua possibile corsa alla poltrona di primo cittadino di Roma: “ Zingaretti  è scappato, Alemanno dice che con questo Pdl non si candida più. Tutti mi dicono che fare il sindaco è l'esperienza più bella, ma Alemanno mi pare sia in campo. Siamo tutti a posto, no?"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Polverini: “Election day? Decide il governo non io”

RomaToday è in caricamento