Peter Pan Onlus, Zingaretti: "Struttura in comodato d'uso all'associazione"

Il candidato alla presidenza alla Regione Lazio: "La struttura della casa di Peter Pan dovrà essere l'esempio del sistema di integrazione socio-sanitaria che intendiamo realizzare"

Forse è complice la spietata campagna elettorale (in cui, si sa, tutto è concesso), ma una cosa è certa: la vicenda della Peter Pan Onlus ha mosso non poche coscienze, anche e soprattutto del mondo politico. A sostegno dell'associazione e i suoi piccoli amici malati di tumore, che nello scorso mese ha ricevuto lo sfratto da parte della Regione Lazio in relazione allo stabile ospitante "La grande casa di Peter Pan" è intervenuto questa mattina anche Nicola Zingaretti, candidato del centro-sinistra in corsa alla presidenza della Regione Lazio ospite nella trasmissione radiofonica "28 minuti" su Radio 2.

"La struttura della casa di Peter Pan dovrà essere l'esempio del sistema di integrazione socio-sanitaria che intendiamo realizzare nella Regione Lazio ed è per questo che bisogna dargli subito il comodato d'uso gratuito, in quanto realtà che svolge un lavoro preziosissimo", ha dichiarato. "Quando è destinato al socio - sanitario, credo che il comodato d'uso debba diventare un vero e proprio sistema. Se non ci sono i soldi la risposta non può essere solo quella dei tagli: c'e' un immenso patrimonio pubblico spesso non valorizzato e utilizzato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'errore più grande in questa vicenda, secondo il candidato alle Regionali, è stato quello di aver pensato di poter governare la sanità basandosi solamente sui conti applicando tagli rigidi e lineari. "Si deve sicuramente fare un buon governo sui bilanci, ma senza dimenticare che dietro quelle cifre ci sono  vite, professioni e un diritto universale alla salute garantito dalla Costituzione italiana". E chiude con una proposta che sa di provocazione per le precedenti giunte: "Il problema del Lazio non è solo che ci sono meno ospedali e Pronto Soccorso, ma che ci sono solo quelli. Si deve superare l'idea che ci si reca in ospedale per ogni prestazione sanitaria. I modelli che funzionano sono quelli che hanno realizzato prima degli ospedali dei presidi sanitari sul territorio che possono far fronte anche all''80% delle prestazioni richieste".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento