Venerdì, 24 Settembre 2021
Regionali Lazio 2013

Chi è Davide Barillari il candidato del M5S alla Regione Lazio

Tratta da un forum del meetup roma, ecco la scheda dell'attivista del movimento di Beppe Grillo scelto per sfidare Zingaretti

LAVORO e FAMIGLIA
Che lavoro faccio

Sono un impiegato metalmeccanico di 6a categoria, e lavoro in IBM Italia dal 1996 come
consulente informatico. La mia figura professionale e' quella di specialista software senior: lavoro su WebSphere Application Server in ambiente z/OS (mainframe), e mi occupo della gestione dei sistemi centrali della Banca d'Italia a Frascati (Roma).

Ho due certificazioni professionali internazionali, e 8 certificazioni di prodotto. Qui trovi i dettagli del mio profilo professionale. Se prooooprio ti va di tuffarti in quello che faccio, leggi questo libro che ho contribuito a scrivere quest'anno durante una residency negli USA:

Parentopoli
Ho 38 anni e sono figlio unico. Ho perso il padre a 8 anni e la madre 2 anni fa. Non ho nessuna parentela o amicizia con gente famosa o che ricopre cariche politiche o rilevanti di alcun tipo. Sono sposato da 5 anni con una bella romana :-) ho un figlio di 3 anni che e' la mia fotocopia....e un altro (maschietto o femminuccia??) in arrivo nei prossimi mesi :-)))))))))))))))))))))

DOCUMENTI E REDDITO
Fedina penale: pulita
Carichi pendenti: nessuno
Reddito: Da cud 2011 risultano 27.159,63 euri. Possiedo solo una macchina, una bicicletta e una casa (con un simpatico mutuo trentennale sulle spalle).

ATTIVISMO NEL MOVIMENTO 5 STELLE
• Fra il 2007 e il 2008 inizio ad avvicinarmi agli Amici di Beppe Grillo, partecipando alle due edizioni dei V day ed alle iniziative in rete promosse dai primi meetup.
• Nel 2009 ho iniziato a frequentare il gruppo M5S territoriale Monza/Martesana, creando il gruppo M5S Pessano con Bornago(MI) con la volonta' di porre le basi per una listacivica del moVimento 5 stelle nel paese dove abitavo, ma a causa del trasloco a Roma nel 2010 non ho potuto continuare nel progetto.
• Dal 2011 inizio a dare il mio contributo come attivista nel M5S di Roma. Municipio XIII
Partecipo attivamente alla vita e alle iniziative del gruppo 5 stelle del XIII municipio di Roma.
Partecipo ai banchetti, alle raccolte firme e alle attivita' locali del gruppo fra cui la costruzione del programma elettorale 2013 per il municipio. Seguo i lavori dell'ufficio stampa M5S del XIII.
Roma5Stelle
Partecipo attivamente al forum Roma5Stelle.com e sono il moderatore per l'area tematica dedicata alla connettivita'. Nel giugno 2012 contribuisco a creare il Tavolo di lavoro Connettivita', aiutando a coordinare le tante attivita' e stringendo contatti diretti con tanti altri gruppi M5S italiani che sioccupano della stessa tematica. Ho promosso in particolare il progetto democrazia liquida, per avviare la scrittura partecipata in rete dei programmi elettorali per i municipi di roma, per la citta' e per la regione. Sono uno degli amministratori di LiquidFeedback5Stelle. Partecipo alle assemblee generali dei tavoli di lavoro di Roma5stelle. Seguo i lavori del tavolo comunicazione.

Lazio5Stelle
Sono iscritto al meetup Lazio 5 Stelle e ho contribuito a creare e coordinare i lavori del Tavolo di lavoro Connettivita' di Lazio5Stelle, in particolare per la scrittura del programma regionale. Sono portavoce del XIII municipio e partecipo alle riunioni operative dei portavoce organizzativi della Regione Lazio Partecipo agli incontri del tavolo programma regionale.

I MIEI 5 PERCHE' SONO NEL MOVIMENTO
Perche'1 (PER QUELLA V ROSSA)

perche' quella V rossa nel nostro simbolo e' molto, troppo importante. La mia e' una rabbia ragionata, fredda, assetata di giustizia che sgorga dal profondo. Proprio come V, voglio guardare negli occhi, dritto negli occhi, quelle persone che hanno permesso tutto questo, e continuano impunemente a farlo. Senza limiti. Voglio guardare in faccia chi ha svenduto il mare, l'aria, l'acqua, la terra per i propri interessi o quelli delle loro cricche. E voglio vedere spegnersi il loro arrogante sorriso, il sorriso di chi ha potere e soldi e pensa di fare tutto, quando per fermarmi mi proporranno soldi o favori e in me troveranno solo una risata che li sommergera'. Sono gia' morti ma non lo sanno. Ho una maschera di V a casa, per ricordare a me stesso che tutti noi siamo uno, e uno e' tutti. Solo la moltitudine puo' capovolgere per sempre il sistema.
Perche' 2 (PER GLI OCCHI DEI NOSTRI FIGLI)
Perche' lo faccio per mio figlio. Per quello che voglio che vedano i suoi occhi fra qualche anno. Lo faccio per gli occhi dei SUOI figli. Per il mondo che verra' e che abbiamo iniziato a costruire oggi. So perfettamente che un giorno si chiederanno: ma erano sommersi da rifiuti, inquinamento,
ingiustizie, corruzione, degrado...e cosa hanno fatto loro, nel 2012, per evitare tutto questo ? La risposta la dobbiamo dare oggi, adesso, senza piu' rinvii o esitazioni o inutili compromessi sempre al ribasso.

Perche' 3 (PER COMBATTERE LA CORRUZIONE DEL POTERE)
Perche' non cerco il potere: l'arrivismo, l'avidita', il protagonismo, non sono nel mio dna. E' ben diverso essere scelti dalle persone con cui collabori piuttosto che cercare “intenzionalmente” il potere, anche in buonafede. So che il potere affascina, corrompe lentamente... e nessuno ne' e' immune: per questo anch'io credo che ogni portavoce debba essere assolutamente temporaneo e che  la forza e' solo nel gruppo che condivide con te, in ogni momento, scelte e impegno. L'importante sono SOLO le idee, non la persona che le propone. Basta vantaggi e interessi personali: io ho deciso di ragionare nell'ottica dell'interesse pubblico e per il benessere collettivo. Chi fa politica, ad ogni livello, dovrebbe evitare per principio ogni "tentazione", eliminando alla sorgente il problema stesso: i soldi. Chi fa politica dovrebbe rinunciare volontariamente a tutto cio' che va oltre un
normale stipendio che garantisca una vita dignitosa.


Perche' 4 (PER SMETTERLA CON I COMPROMESSI)
Perche' oggi e' il nostro momento, le condizioni per rivoltare l'Italia come un calzino ci sono: e' la tempesta perfetta. E' il momento di trasformare il senso comune di rivolta e la feroce rabbia contro i partiti e contro la vecchia politica economica che ha causato/guadagnato dalla crisi, in una proposta prorompente di un nuovo modello di sviluppo. Una proposta che si fonda su tutte le nostre piccole azioni quotidiane. Per lasciare alle spalle tutto quello di vecchio e insostenibile che c'e' oggi e pensare un mondo davvero nuovo: piste ciclabili, decrescita, finanza etica, riuso e riciclo, commercio equo, gas e produzioni locali a km0, distretti di economia solidale, ecc.. Senza piu' compromessi con chi guadagna dallo sfruttamento dell'uomo, degli animali e del pianeta. Chiscende a compromessi su tutto, per soldi, perde se' stesso, si avvicina al potere, svende i propri ideali. Nessuna moneta puo' ripagare la propria dignita' e la fiducia che abbiamo con tutti i cittadini che si aspettano dal nostro moVimento una vera e concreta azione di cambiamento culturale e sociale.
Perche' 5 (PER LOTTARE INSIEME CONTRO TUTTE LE MAFIE)
Perche' non ho paura di scontrarmi per difendere le idee nelle quali crediamo. E la mia storia personale, cio' che ho fatto in passato parla per me: ho fatto tante battaglie sempre per gli stessi valori in cui credo fermamente, dando tutto me stesso. Mi sono tirato indietro solo quando chi doveva stare al mio fianco mi ha lasciato solo, spesso per mancanza di coraggio nell'andare fino in fondo a cambiare le regole (vedi l'esperienza nel sindacato). Quindi se vogliamo giocare, ci giochiamo tutti, fino alla fine. Anche se sono molto preoccupato per l'enorme impegno e la grande responsabilita' che avremo presto tutti noi sulle spalle, so che solo insieme, tutti insieme, ce la faremo.

BIOGRAFIA
una panoramica sul mio passato
• ...prime esperienze giovanili nel movimento studentesco di Milano...

• Bussero (MI), 1999- 2000: Membro del Collettivo giovani UBIK. Preparo il progetto per la  realizzazione di uno spazio giovanile autogestito, rifiutato dall'amministrazione comunale. A  seguito di questo NO, contribuisco ad organizzare una manifestazione giovanile e poi l'occupazione del C.S.O.A. Ubik, durata solo qualche mese.
• 2000-2003: Fondatore nodo Rete Lilliput Martesana, mettendo in rete diverse realta' della  provincia di Milano (Acli, botteghe commercio equo, ecc.) e co-organizzatore della presenza della Rete Lilliput alle contestazioni del G8 di Genova 2001. Vivo intensamente i giorni del G8: le ferite delle manganellate sono ormai sparite dalla mia pelle, ma nel cuore il ricordo di cio' che ho visto restera' per sempre. Da quei giorni comincio con piu' forza a lottare contro  le ingiustizie.
• 2002-2005: Fondatore e membro eletto del primo Consiglio Direttivo di AGICES (associazione generale italiana commercio equo e solidale). Ho lavorato in vari gruppi a  livello nazionale, in particolare nella definizione di regole etiche per il rapporto fra commercio equo e grande distribuzione (mozione “coerenza e sviluppo”).
• 2004-2007 (Pessano con Bornago(MI)): Fondatore e coordinatore Gruppo Emergency Martesana. Interventi nelle scuole e in iniziative pubbliche a nome di Emergency sul tema della pace e della cooperazione internazionale.
• 2005 e 2011: Membro eletto del GIT Banca Etica Milano Est , con vari interventi sul territorio in particolare nell'organizzare convegni sulla finanza etica, e come relatore.
• 2008-2010 (Pessano con Bornago(MI)): Fondatore Gruppo Acquisto Solidale “Sogni e Bisogni”. Organizzazione incontri e approfondimenti sul consumo critico e sui gas.
• 2000-2010 (Bussero e Pessano con Bornago(MI)): Fondatore e presidente (per 10 anni) dell ' Associazione no-profit Tatavasco (bottega di commercio equo solidale) . Tanti banchetti e tante iniziative organizzate negli anni sul tema del commercio equo e solidale, del boicottaggio, della cooperazione nord-sud, del consumo critico e consapevole. Raccolti in  questi 10 anni circa 30.000€ tutti completamente destinati a progetti di cooperazione con il sud del mondo.
• 2008-2010 (Pessano con Bornago (MI)): Fondatore e presidente Circolo ARCI UBIK . Luogo di aggregazione per giovani e non solo, con bar, iniziative musicali e culturali senza fine di lucro.
---2010 trasferimento a Roma ---
• dal 2011- Fondatore e membro attivo del Gruppo Acquisto Solidale "Grano Salis" di Ostia Antica. Coordino i lavori, gli ordini e gli incontri del GAS. Seguo i lavori della Rete gas Lazio.
• 2012 - Insieme all'associazione Sensacional e al gas Laurentina, prepari con il mio gas un progetto chiamato "Incontriamoci ad Ostia Antica" per creare uno spazio culturale aperto a tutte le associazioni e in particolare per combattere il disagio giovanile. esperienze sindacali italiane ed europee
• 2003-2009: Eletto rappresentante sindacale RSU IBM Italia (FIOM/CGIL) per la sede di  Vimercate (MB) e elezione come membro del Coordinamento Nazionale RSU IBM .
Partecipo a convegni sindacali a Barcellona, Amsterdam e periodicamente a incontri organizzati dalla CGIL a Milano. Coordino il gruppo di lavoro nazionale sulla responsabilita' sociale di impresa. Mi occupo del progetto pilota di inserimento di distributori equosolidali nelle sedi aziendali.
• 2003-2008: Eletto dal Coordinamento Nazionale RSU IBM Italia come Rappresentante italiano eletto al Comitato Aziendale Europeo (CAE ) della IBM (in rappresentanza di 8000 lavoratori italiani).

Rappresento in sede europea i sindacati CGIL/CISL/UIL/COBAS per le aziende del gruppo IBM Italia. Do' il via alla commissione internazionale, per coordinare ed organizzare lotte comuni.
• 2004-2008: Eletto dal CAE IBM come membro del Comitato Ristretto (in rappresentanza di 100.000 lavoratori europei). Fondo e coordino il gruppo comunicazione, spingendo verso l'utilizzo di nuovi strumenti di comunicazione grazie al web. Nel CAE vivo una importantissima esperienza europea, nella gestione dei rapporti sindacali internazionali con Uni Global Union, Federazione Europea Metalmeccanici e altri sindacati europei. Prendo parte attiva alle trattative (in inglese) con i vertici aziendali nel caso di delocalizzazioni e questioni ad alto impatto sui lavoratori europei, e alla rinegoziazione dell'accordo europeo sul CAE IBM. Contribuisco a creare le basi per un'alleanza sindacale globale IBM con la FEM, UNI e IWIS (IBM Workers International Solidarity, di cui ero il rappresentante italiano).

Tento piu' volte di far capire ai vertici nazionali della FIOM/CGIL l'importanza dell'uso di strumenti web 2.0 per attuare una democrazia diretta con i lavoratori e includere tutte le nuove forme di  lavoro precario e lavoratori digitali non rappresentati da nessuno. Cerco di effettuare una riforma del regolamento sindacale, rimuovendo le cariche a vita e i poteri troppo concentrati, ma da qui iniziano i problemi: a causa del mio "troppo attivismo" in rete, per aver avviato dal basso contatti internazionali con altri sindacalisti per fare lotte comuni, per aver messo in discussione radicati equilibri politici grazie all'uso del web 2.0, vengo gentilmente “accompagnato alla porta” dalla FIOM/CGIL...subito dopo aver organizzato il primo sciopero virtuale al mondo su SecondLife (nonostante gli enormi risultati raggiunti). Una petizione online a mio sostegno per evitare la mia rimozione, firmata da oltre 450 sindacalisti italiani ed internazionali non e' stata minimamente ascoltata dai vertici sindacali. • 2009-2010: Tentativo non riuscito di organizzare un nuovo modello di Sindacato 2.0 fra diverse aziende di Milano e provincia (progetto fallito a causa della poca informatizzazione dei rappresentanti sindacali e dell'indifferenza dei vertici)


• 2010: breve esperienza nel sindacalismo di base (vengo eletto nel Direttivo nazionale della FLMUNITI/CUB) e organizzo la prima raccolta firme su facebook contro i privilegi dei manager IBM (10.000 licenziamenti in contemporanea alle vacanze premio dei manager). Ampia partecipazione alla raccolta firme...ma ora senza la copertura della CGIL subisco pesanti ritorsioni aziendali e arrivo ad un passo dal licenziamento dopo 2 lettere ufficiali di richiamo e nessun tentativo di discussione da parte dell'azienda. Sono solo contro una multinazionale, nel silenzio del sindacato. Deluso e amareggiato, abbandono per sempre l'attivita' sindacale.... Dopo che ho partecipato (gratuitamente) ad una lezione dell'universita' di Pavia, corso di laurea in comunicazione multimediale, per presentare la mia esperienza nell'organizzazione del primo sciopero virtuale al mondo, nel 2012 e' stato pubblicato il libro “La Comunicazione Sindacale, dai volantini ai social network”, nel quale c'e' un mio contributo. Tutto il ricavato della vendita del libro  resta all'universita' di Pavia, senza che io abbia ricevuto alcun compenso ne' per il mio contributo e
ne' per la vendita. altre esperienze
• nei primi anni a Bussero (circa 1997-2002) sono stato un attivista del circolo  “rifoBussero” di Rifondazione Comunista, occupandomi in particolare di organizzare iniziative culturali e varie edizioni della festa annuale del circolo (stavo al bancone del bar). Negli anni successivi ho preferito dedicarmi al volontariato.

• Per vari anni ho contribuito ad organizzare feste noprofit (rete “intolleranza zero” in collaborazione con realta' antagoniste della provincia di Milano) e tramite il coordinamento botteghe milano-est circa 5 edizioni della festa del commercio equo e solidale (Trezzo, Pessano, Gorgonzola, ecc.) • Nel 2001 per un mese vivo con un missionario nelle comunita' povere del nord-est del Brasile (Piaui'), conoscendo direttamente l'esperienza del movimento sem-terra e delle cooperative di donne nella poverta' delle favelas.
• Dopo un corso di formazione con YaBasta! Milano, nel 2002 vado in Chiapas, Messico, come osservatore internazionale per i diritti umani, vivendo in mezzo alle comunita' indigene zapatiste. L'esperienza diretta nelle comunita' indigene mi fa entrare per sempre nell'anima la poesia della rivolta indigena, l'appassionata lotta per i diritti umani e l'enorme potere della parola.
• Visita successiva nel 2003 sempre in Messico per avviare il primo progetto di importazione di caffe' del commercio equosolidale dalle comunita' zapatiste messicane
(progetto Tatawelo), in collaborazione con Commercio Alternativo e una rete di botteghe italiane a sostegno del Chiapas.
• partecipo al Forum Social Mundial di Porto Alegre nel 2003 come rappresentante della Rete di Lilliput e alla successiva edizione a Firenze.
• A seguito dell'organizzazione nel 2007 del primo sciopero virtuale al mondo in SecondLife (grande risalto sui giornali di tutto il mondo, 2000 avatar partecipanti da 17 paesi, importanti risultati sindacali nella vita reale fra cui il ripristino del premio di risultato per 8000 lavoratori e le dimissioni dell'amministratore delegato di IBM Italia) sono stato premiato dal Senato Francese come "NetXplorateur of the year 2008" (DA VEDERE ! Link qui). Mi invitano a presentare l'esperienza a Barcellona, a Cipro, a Citta' del Capo e all'universita' di Pavia.
• Strizzatina d' occhio ad Anonymous e alle esperienze di hacktivismo italiano (area hackmeeting) ed internazionale.
• cicloattivista nel fantaprogetto PI.SO.LO.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è Davide Barillari il candidato del M5S alla Regione Lazio

RomaToday è in caricamento