Elezioni regionali 2010

Regionali: il Pd pressa Zingaretti, ma lui si defila

I maggiorenti del Partito Democratico non hanno dubbi sulla bontà della scelta dell'attuale presidente della Provincia. Lui continua a rifiutare, ma attacca: "Il nostro buongoverno per fronteggiare il ritorno al passato della destra"

Tutti vogliono Zingaretti. Verrebbe così da dire che il Pd ha già scelto il proprio candidato per sfidare Renata Polverini. Il problema però è che il diretto interessato sembra volersi sottrarre alla sfida, anche se ieri qualche apertura, seppur minima c'è stata, con un affondo, neanche troppo velato, contro il centrodestra guidato dal segretario dell'Ugl.

La scelta di Renata Polverini da parte del Pdl ha dato una scossa ai maggiorenti del Pd regionale. Da Montino, attuale reggente della Regione, alla Valentini, ex assessore veltroniano, ora in Regione, fino ad arrivare a Morassut, ex segretario regionale, tutti ieri hanno invitato il presidente della Provincia a candidarsi.

Montino già oppone Zingaretti alla Polverini, sostenendo che il primo “ha già dato una buona prova di sé e sarebbe una candidatura eccellente”, mentre la seconda “è una candidata da non sottovalutare, anche se qui non si tratta di fare il segretario di un sindacato ma il presidente della Regione, quindi occorre anche un'esperienza lunga, a volte difficile, come quella dell'amministratore. E questo la Polverini non ha le carte in regola per farlo”.
 

  Un conto è guidare un sindacato, un altro una Regione  

Morassut si spinge anche ad ipotizzare la coalizione guidata da Zingaretti: “Il centrosinistra può vincere  candidando Zingaretti a capo di una coalizione con Udc, Idv e le forze di una sinistra di governo una coalizione unita da un programma in cui, come è giusto, nessuno si senta aggiuntivo ma protagonista paritario”.

Daniela Valentini, attuale assessore regionale all'agricoltura chiede a Bersani di fare presto a scegliere il candidato: “Alla candidatura di Renata Polverini - prosegue Valentini - una donna concreta, una sindacalista vicina al mondo dei lavoratori dobbiamo contrapporre un esponente politico altrettanto autorevole e concreto. Ritengo che Nicola Zingaretti abbia il profilo necessario per affrontare questa competizione e vincere: è un giovane che ha già dimostrato di avere capacità politiche e di governo ed ha il sostegno di tutte le forze politiche da Sinistra e Libertà all'Unione di centro che sappiamo essere determinante per la vittoria finale. Per queste ragioni chiedo a Bersani di lavorare da subito  per questa candidatura ed a Zingaretti, che ha sempre dimostrato di essere persona generosa, costantemente al servizio della politica e della gente, di sciogliere in tempi brevi il nodo sulla sua disponibilità".

Da parte sua il presidente della Provincia continua a dire che resta dov'è. Ieri però c'è stato un commento che può essere letto come un'apertura verso la sua candidatura, anche perchè contiene un attacco alla Polverini: “Se c'é pressing su di me è perché penso ci sia il riconoscimento di una buona esperienza di governo, di una squadra, la Provincia di Roma è governata bene, c'é un giudizio positivo abbastanza diffuso quindi credo sia naturale che si guardi al buon governo di centrosinistra quando si pensa a come fronteggiare il rischio di ritorno al passato con la destra”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali: il Pd pressa Zingaretti, ma lui si defila

RomaToday è in caricamento