Elezioni regionali 2010

Regionali, Gasbarra dice no: il centrosinistra pensa a candidato in rosa

L'ex presidente della Provincia si è detto indisponibile a percorsi diversi dalla sua attività parlamentare. In pole position ora c'è il nome di Giovanna Melandri. Marino: “Per le primarie penso che la Bonino sia un ottimo candidato”

Il centrosinistra brucia un candidato al giorno. Era toccato ieri al presidente della provincia Zingaretti declinare la candidatura, passando la patata bollente al suo predecessore a Palazzo Valentini, Enrico Gasbarra. Anche lui però ha declinato l'invito, facendo capire a chiare lettere che non ha intenzione alcuna di ricandidarsi.

Ha scelto per farlo l'assemblea dell'associazione a lui vicina “Primavera democratica”, riunitasi ieri in un albergo romano: “Dopo oltre 20 anni di impegno intenso, straordinario e difficile negli enti locali  il mio percorso, il mio contributo è e continuerà ad essere soltanto nella politica nazionale e, in particolare, nell'attività parlamentare. No grazie quindi ad altri percorsi per cui ribadisco - ha concluso rivolgendosi all'assemblea - anche a voi la mia indisponibilità”.

La strada che si apre ora per il centrosinistra sembra tingersi di rosa. Infatti la favorita numero uno per correre alla Pisana, probabilmente contro la Polverini, è Giovanna Melandri, ex ministro delle politiche giovanili e dello sport che, ambienti interni al Pd dicono pronta ad accettare la sfida.

Sarebbe quindi lei il candidato forte per le non ancora certe primarie di coalizione del 24 gennaio. Primarie a cui parteciperebbe per Sinistra e Libertà Luigi Nieri.

Oggi però  la novità è rappresentata dalle dichiarazioni del senatore Ignazio Marino, uno dei tre candidati alle primarie e dato tra i possibili candidati del Pd. Marino è stato chiaro e ha fatto tre nomi di donne per la candidatura. “Ho sempre pensato che  Emma Bonino potesse essere un ottimo candidato, ma ci sono anche  altre donne come Ileana Argentin. Nella mozione che ha  supportato le nostre idee e ci sono state  tantissime donne di grande valore, molto impegnate sui temi dei  diritti e che rappresentano la modernità nella politica, penso anche a Paola Concia".

Nei giorni scorsi, va ricordato, in un'intervista a Roma Today, Massimiliano Iervolino segretario uscente dei Radicali di Roma e membro della direzione nazionale del partito, aveva ricordato come pur avendo letto anche lui di una Bonino possibile candidata, nessuno si era fatto vivo per chiederglielo.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Gasbarra dice no: il centrosinistra pensa a candidato in rosa

RomaToday è in caricamento