Sabato, 31 Luglio 2021
Elezioni regionali 2010

Regionali, Centrodestra: Todini e Baccini in rimonta sulla Polverini

L'imprenditrice: “Mi piacciono le sfide. La mia candidatura dipende da assetti nazionali e non da me”. Il parlamentare Pdl, ex Udc: “La mia disponibilità ci sarà, visto che è la mia Regione”

Le frizioni tra Berlusconi e Fini a livello nazionale, rischiano di avere ripercussioni anche per le candidature alle prossime elezioni regionali. L'accordo di un mese fa dopo un incontro a Palazzo Grazioli, sembrava aver definitivamente benedetto la candidatura di Renata Polverini per il centro destra. L'attuale segretario dell'Ugl era una candidata proposta da Fini, ma che Berlusconi non vedeva di buon occhio. Oggi però quell'accordo potrebbe saltare.

Sono infatti date in forti risalita le quotazioni di Luisa Todini e Mario Baccini quali candidati del centrodestra alla Regione Lazio. La prima, imprenditrice e pupilla di Berlusconi, nelle dichiarazioni che rilascia da qualche giorno non chiude mai la porta. Con quella di oggi poi ha aperto un vero e proprio portone. Il secondo, visto come ponte ideale per un accordo con l'Udc, ha dichiarato in un'intervista a Libero la propria disponibilità.

Luisa Todini oggi, a margine della celebrazione della messa di Santa Barbara  nel cantiere della stazione metropolitana romana Libia-Gondar, si è di fatto rimessa in corsa per La Pisana: “Mi sono sempre piaciute le sfide ma in questo momento sono impegnata nel mio ruolo di mamma e imprenditrice. La mia candidatura con il Pdl alle regionali del Lazio non dipende da me, ma da assetti nazionali. Sono comunque particolarmente felice che finora siano stati fatti quasi esclusivamente nomi di donne: è una grande vittoria. Sono inoltre lusingata che sia stato direttamente il presidente Berlusconi a fare il mio nome, anche se lui sa che io amo fare l'imprenditrice”.

Mario Baccini invece da qualche giorno gira con un sorriso più grande del solito. Lui non si nasconde dietro un dito: “La mia disponibilità ci sarà, visto che è la mia regione. Mi sembra importante che la nostra regione possa esprimere un candidato, o una candidata, all’altezza della forza che il Lazio può esprimere in termini di governance delle nuove generazioni”.

Il presidente dei Cristiano popolari
non ha poi escluso la formazione di una lista civica ed ha auspicato un’alleanza con l’Udc.

La Polverini intanto tace. Candidata in pectore da ormai due mesi, sta vedendo lentamente logorare il suo nome. Anche il suo primo sostenitore, Francesco Giro, sottosegretario ai beni culturali, ha ammesso che il suo nome non è l'unico all'altezza di guidare la Regione e che una decisione va presa. Insomma, i giochi si riaprono anche per il centrodestra.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, Centrodestra: Todini e Baccini in rimonta sulla Polverini

RomaToday è in caricamento