Elezioni europee 2019, a Roma trionfano il Pd e la Lega. M5s al 17.58%

Pd sopra il 40% in I e II municipio, male nel VI. Lega sfonda in periferia e, con il resto del centrodestra, sfiora il 40% a livello generale. Crollo del M5s

Partito democratico primo partito, Lega sopra il 25% e Movimento Cinque Stelle con il 17,58% ampiamente sotto il 20%. Se il test europeo nella Capitale doveva essere anche una sorta di referendum sull'amministrazione Raggi il risultato è stato chiaro. Al centro della campagna elettorale, martellata dal vicepremier Salvini, Roma restituisce un'immagine profondamente diversa da quella che tre anni fa portò in Campidoglio Virginia Raggi. 

Voti dimezzati e crisi d'identità: il M5s romano piegato da Salvini e dall'effetto Raggi

Boom della Lega a Roma: Salvini scippa le periferie ai grillini. Alle Torri sfiorato il 37%

Elezioni europee 2019, a Roma flop di Casapound e Forza Nuova

Pd primo partito a Roma

Il Partito democratico è il primo partito. Dopo le tornate elettorali in III e VIII municipio vinte sì, ma con percentuali bassissime di votanti alle urne, il Pd sfonda quota 30% con punte sopra il 40 nei territori del I e II municipio, zone dove si è votato di più. Negativo il dato nella periferia est, dove nel VI municipio i dem non vanno oltre quota 20%. Esulta il segretario del Pd Roma Andrea Casu: "I dati dalle sezioni confermano quello che chi ha lavorato in questi duri anni di opposizione e ricostruzione per #Roma sa già: nella Capitale il #PD è il primo partito. Grazie a tutti i democratici che insieme hanno contribuito a realizzare questo straordinario risultato!". 

Europee: i risultati in diretta

La Lega sfonda 

Sfonda la Lega. Salvini piace anche nella Capitale, soprattutto nella periferia est dove nel V e VI muncipio supera quota 30%. Nel municipio delle torri, granaio elettorale del M5s, la Lega arriva al 36,76%. Un voto che premia l'ex partito del nord, ora nazionalista e sovranista, anche nel centro della città, con percentuali che sfiorano il 20% in I, II e VIII municipio. 

Da sottolineare come il dato generale romano di un eventuale centrodestra unito arrivi a sfiorare il 40%, con Fratelli d'Italia che conferma il suo trend nella Capitale, attestandosi all'8.70%, mentre Forza Italia continua la sua lenta discesa, fermandosi al 5.57%. 

M5s, che tonfo

Pesantissimo il tracollo del M5s, partito della sindaca Virginia Raggi. 194.545 i romani che hanno votato cinque stelle, pari al 17.58. Per la prima volta da quando governa in un test elettorale nazionale il M5s scende sotto il 20%. Un dato che conferma le batoste in III e VIII municipio di un anno fa, quando i candidati  grillini non raggiunsero neanche il ballottaggio. Pesante la debacle in I e II municipio, i più centrali, dove le stelle si fermano al 9%. Nella periferia est, premiante tanto nel 2016 alle comunali, quanto alle politiche dello scorso anno, M5s non è più il primo partito. Punta massima il 24,85% del VI municipio, con il V e IV appena sopra il 20%. Per il resto grillini sopra il 20% solo ad Ostia. 

I dati romani

Voti di Lista
Voti %
LEGA SALVINI PREMIER 285318 25,78
DESTRE UNITE CASA POUND AEMN 4601 0,42
MOVIMENTO 5 STELLE 194545 17,58
PARTITO PIRATA 2162 0,2
PARTITO ANIMALISTA ITALIANO 5152 0,47
PARTITO COMUNISTA 9934 0,9
FRATELLI D'ITALIA 96299 8,7
POPOLARI PER L'ITALIA 2521 0,23
FORZA NUOVA 1050 0,09
POPOLO DELLA FAMIGLIA ALTERNATIVA POPOLARE 4084 0,37
SINISTRA: RIF. COMUNISTA-SINISTRA EUROPEA-SINISTRA ITALIA 31731 2,87
FORZA ITALIA 61638 5,57
FEDERAZIONE DEI VERDI 24614 2,22
+EUROPA-ITALIA IN COMUNE-PARTITO DEMOCRATICO EUROPEO PDE 44310 4
PARTITO DEMOCRATICO 338885 30,62

Affluenza

A Roma ha votato il 48,91% degli aventi diritto. Sui 2.294.000 di romani aventi diritto, ha votato 1.122.034.

Ecco il voto municipio per municipio

I municipio 52,41
II municipio 56,83
III municipio 51,27
IV municipio 49,31
V municipio 47,16
VI municipio 42,45
VII municipio 50,24
VIII municipio 50,42
IX municipio 50,93
X municipio 47,13
XI municipio 45,74
XII municipio 50,36
XIII municipio 47,87
XIV municipio 46,35
XV municipio 47,11

I risultati nazionali

Lega primo partito quasi ovunque, mentre il Movimento 5 stelle resta primo partito solo al Sud e Isole, e il PD supera il 40% nei quartieri più centrali di Torino, Roma, Milano.

Matteo Salvini, il primo commento a caldo al voto lo affida a un cartellone con sopra scritto "primo partito in Italia, grazie". "Voglio parlare con gli italiani prima dell'una, che poi devono andare a lavorare." spiega il leader della Lega con il rosario tra le dita. Poi scendendo in sala stampa certifica la "non vittoria" dei sovranisti in Europa spiegando come per l'Italia si apra un periodo complicato in vista della legge di bilancio, e lancia un appello agli alleati di Governo. 

Salvini: "Sarà un periodo economico complicato"

"Gli alleati di governo sono amici, con cui da domani si torna a lavorare serenamente, abbassando i toni" Così il leader della Lega Matteo Salvini commentando i risultati del voto europee nella sede della Lega di via Bellerio a Milano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

  • Federico Tomei morto in un incidente: calcio laziale in lutto per la perdita del 22enne

Torna su
RomaToday è in caricamento