Mercoledì, 22 Settembre 2021
Elezioni Roma 2016

Elezioni, Giachetti la esclude per una querela: Nathalie Naim in lista con i Radicali

La consigliera uscente del I municipio non è stata ammessa per un procedimento per diffamazione. Magi: "Criterio folle". Naim: "Atteggiamento pericoloso". Giachetti: "Le regole valgono per tutti"

Nathalie Naim e Riccardo Magi

Esclusa dalla lista civica in sostegno di Giachetti, la porta sulle prossime elezioni municipali per Nathalie Naim si è aperta con i Radicali. Correrà da capolista per il I municipio per i Radicali che fin da subito, alla notizia della sua esclusione dalla lista civica a sostegno di Roberto Giachetti a causa di una procedimento per diffamazione, avevano dichiarato di essere disponibili a dare ospitalità alle sue battaglia per la "legalità e contro le lobby dell'abusivismo" nel centro storico romano. Nel pomeriggio, al comitato elettorale di via dello Scalo di San Lorenzo, sarà il momento della verità. Proprio oggi infatti verranno presentate le liste comunali e municipali per apporre le firme che sanciscono in via ufficiale il sostegno in coalizione.

Ieri la consigliera municipale, eletta con la lista civica per Marino, ha incontrato Riccardo Magi, consigliere capitolino uscente, segretario dei Radicali Italiani e capolista a Roma alle prossime elezioni. "Il folle criterio che vieta di candidarsi a chiunque abbia un procedimento in corso, a prescindere dal reato, insegue e supera i Grillini sul peggiore terreno giustizialista" il commento di Magi. Ha commentato la consigliera: "Ritengo molto pericoloso un atteggiamento punitivo nei confronti di attività come la mia: escludere dalle liste coloro che osano opporsi a poteri più o meno forti, e che quindi sono soggetti a denunce, significa avallare l'intimidazione. Spero che Giachetti si ricreda e accetti la mia candidatura con i Radicali".

La consigliera municipale uscente è rimasta esclusa dalle liste per Giachetti per una querela in relazione ad alcune affermazioni sulle concessioni delle banchine del Tevere. Nonostante gli appelli dei comitati e delle associazioni del centro storico Roberto Giachetti è stato inamovibile. "Liste pulite vuol dire che non ci possono essere persone con problemi con la giustizia" ha dichiarato nei giorni scorsi. "Questa è l'unica regola che può valere e riguarda tutti". Poi ha aggiunto: "Mi dispiace per le persone che restano fuori. Spero risolvano tutti i loro problemi". 

La notizia aveva suscitato una reazione anche tra gli abitanti del centro storico che hanno chiesto a Giachetti di ripersarci: l'esclusione di Naim è "un segnale devastante per tutti coloro che da anni provano a contrastare il degrado che sta travolgendo Roma" il commento di Paolo Gelsomini del Coordinamento Residenti Città Storica. "A prescindere dagli schieramenti partitici Nathalie Naim si è sempre distinta per il suo impegno politico in favore dei cittadini, del decoro e del rispetto delle norme". 

Sull'esclusione però, nessun passo indietro. Così si sono aperte le porte delle liste Radicali dove la Naim, per il I municipio, occuperà il posto di capolista. Una decisione che Magi ha spiegato così: "Se si considera che è stata proprio la lotta di Natalie favore della legalità e contro le lobby dell'abusivismo ben radicate a Roma a costarle questa querela, la sua vicenda appare ancora più grave ed emblematica della deriva in atto. Stiamo assistendo infatti alla fine di ogni assunzione di responsabilità politica" il commento.

Poi l'attacco: "Il Pd si appiglia al feticcio giustizialista perché non è in grado di selezionare la classe dirigente in base a criteri politici". Conclude Magi: "In base a questa logica Marco Pannella non avrebbe potuto candidarsi, ma neppure parlamentari che ogni giorno intervengono nel dibattito su Roma, come ad esempio Stefano Esposito condannato per diffamazione nei confronti di alcuni attivisti No Tav. Non possiamo accettare che prevalga la deriva perversa del rapporto tra politica e giustizia, che non rappresenta alcuna garanzia per i cittadini: di questo passo infatti quale consigliere vorrà ingaggiare battaglie giuste ma che potrebbero compromettere i suoi diritti politici?". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Giachetti la esclude per una querela: Nathalie Naim in lista con i Radicali

RomaToday è in caricamento