Elezioni Roma 2016

Cucchi - Fassina, prove di dialogo: i due si incontreranno. Nasce un ticket a sinistra?

Fassina chiama, Ilaria Cucchi risponde. I due si vedranno. Da capire se la disponibilità della sorella di Stefano si trasformerà in una candidatura alternativa oppure in un appoggio al progetto dell'ex vice ministro

Ilaria Cucchi con Peciola (Sel)

Prove di dialogo a sinistra del Pd. La candidatura di Ilaria Cucchi ha allarmato Stefano Fassina da tempo in campo come candidato sindaco di Sinistra Italiana. Una candidatura che nel corso dei mesi ha evidenziato varie crepe, con molti distinguo specie all'interno della compagine romana di Sel. Così la disponibilità manifestata ieri da Ilaria Cucchi ha da un lato fatto sorridere alcuni esponenti vendoliani, dall'altro ha spinto Stefano Fassina a cercare un dialogo con la sorella di Stefano, il giovane morto nel novembre 2009 a seguito di un pestaggio. 

Non a caso già nella serata di ieri l'ex vice ministro dell'Economia twittava: "Cara Ilaria Cucchi la tua battaglia è sin dall'inizio anche la nostra. Incontriamoci. La sfida per ricostruire Roma ha bisogno anche di te". Un invito che in una nota l'ex esponente di Rivoluzione Civile ha accettato. "Non posso dimenticare tutti coloro che in questi anni ci sono stati vicini nel nostro difficile percorso di verità. Tra questi gli esponenti di Sel sono tra coloro che non ci hanno fatto mancare mai il loro appoggio insieme a quelli del Pd e del Movimento 5 stelle". La Cucchi continua: "Ricordo le iniziative parlamentari per la costituzione di una Commissione di inchiesta sulle violazioni dei diritti umani dell'onorevole Bratti, ricordo il prezioso lavoro di Manconi, quello del'on. Ferraresi dei 5 stelle e le ultime bellissime iniziative di Sel per la commissione di inchiesta Rachid Assaragh e per il caso Dino Budroni. Ricordo quella di Casetta Rossa di Gianluca Peciola con Andrea Magherini. Per questo accetto volentieri l'invito ad un incontro rivoltomi da Stefano Fassina". 

E il candidato di Sinistra Italiana oggi, contento del sì della Cucchi, spiega: "Ribadirò il nostro impegno sui temi della legalità. I suoi obiettivi sono quelli di un Paese che deve essere civile e le offrirò quindi la disponibilità a far parte del nostro progetto".

E se Giachetti, candidato del Pd tace, parla invece Virginia del Movimento Cinque Stelle che commenta con favore la disponbilità della Cucchi: "Ognuno è libero di presentare la sua candidatura. Un altro candidato civico è importante, vuol dire che finalmente le persone della società slegate dai partiti vogliono prendere in mano la gestione della cosa pubblica, come noi che continuiamo a ripetere da anni". 

Ma quali sono gli scenari che si aprono a sinistra? Ilaria Cucchi sembra andare ad occupare quel ruolo che Ignazio Marino ha rifiutato, ovvero il candidato civico alla sinistra del Pd. Da capire come la sua presenza si conciierà con quella di Fassina. E' indubbio che molta parte di Sel romana vedrebbe di buon occhio un passo indietro dell'ex giovane turco in favore della sorella di Stefano. Fassina però ha dimostrato determinazione ed è più probabile che lavorerà per coinvolgere la Cucchi nel suo progetto. Una candidatura al femminile, da sindaco o in ticket, che andrà a drenare i voti di genere che la Raggi stava calamitando. In quest'ottica anche Giachetti e il Pd possono tifare per la discesa in campo di Ilaria Cucchi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cucchi - Fassina, prove di dialogo: i due si incontreranno. Nasce un ticket a sinistra?

RomaToday è in caricamento