rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Elezioni Comunali 2013

Elezioni 2013, Zingaretti: "Cambiare tutto anche a Roma". Alemanno: "Non si illuda"

Dopo i ballottaggi vincenti a Ladispoli, Cerveteri e Civitavecchia, Zingaretti esulta e parla di "risultato straordinario". Alemanno: "Su c'è chi si illude un pò troppo"

Roma è entrata ufficialmente in campagna elettorale. Manca più di un anno alle elezioni che dovranno eleggere il successore di Alemanno (o sancire la sua rielezione), ma i due più che probabili sfidanti si lanciano messaggi di sfida neanche troppo nascosti. Zingaretti e il sindaco in carica infatti, dopo i ballottaggi in provincia e nel Lazio, hanno dato una loro lettura del voto, dando tutta l'impressione di avere già la mente rivolta all'appuntamento del 2013.

ZINGARETTI - Commentando i trionfi di Civitavecchia, Ladispoli e Cerveteri, il presidente della Provincia di Roma non ha dubbi: "E' un risultato straordinario di cui siamo orgogliosi e felici allo stesso tempo. La conferma a Ladispoli, l'esito positivo delle elezioni a Cerveteri e la grande vittoria del comune di Civitavecchia rappresentano un eccezionale risultato di enorme rilevanza politica". E aggiunge: "Ora dobbiamo puntare a cambiare tutto anche a Roma, coinvolgendo le forze civiche e civili della città per una grande alleanza tra persone, forze associative e politiche per il riscatto della capitale".

ALEMANNO - Il sindaco Alemanno ha lasciato passare la notte per rispondergli: "Ognuno si consola come ritiene. Di volta in volta ognuno se la gira come gli pare. Chi si illude che la sfida su Roma l'anno prossimo possa avvenire sugli stessi canoni di quanto avvenuto in alcuni paesi della provincia si illude veramente un pò troppo".

Secondo il sindaco "la partita è tutta da giocare ed è un messaggio da lanciare con forza ai cittadini. D'altra parte il Lazio è forse la regione in cui il Pdl è andato meglio e anche questo dovrebbe essere un segnale per queste persone".


Alemanno, che già ieri aveva proposto di cambiare nome al Pdl, indica anche le ricette: "A Roma continuiamo a lavorare tranquillamente con il Pdl e i cittadini che si sono avvicinati a noi che stiamo organizzando nella rete attiva per Roma. La sfida dell'anno prossimo sarà a due gambe: un Pdl profondamente rinnovato, secondo me anche con un nome nuovo, e una rete civica che deve raccogliere tante energie che oggi non si riconoscono nei partiti ma nella forza di rinnovamento della nostra amministrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2013, Zingaretti: "Cambiare tutto anche a Roma". Alemanno: "Non si illuda"

RomaToday è in caricamento