Comunali, Pdl compatto: “Le primarie non servono, c'è Alemanno”

Da Augello a Sammarco, da Piso a Cutrufo gli uomini del sindaco frenano Rampelli e l'ipotesi Giorgia Meloni

“Niente primarie, Gianni Alemanno è il nostro candidato”. Dopo la batosta alle politiche e alla regionali il sindaco non ha ancora parlato. A farlo per lui ci pensano i suoi uomini più stretti. Da Augello a Sammarco, da Piso a Cutrufo, il coro è unanime: “Le primarie non servono”.

 

In mattinata era stato uno dei fondatori di Fratelli d'Italia, Fabio Rampelli, a ribadire l'esigenza delle primarie di cui, ricordiamo, il sindaco Alemanno ha per tutto l'autunno sostenuto la necessità.

Una dopo l'altra però sono arrivate le risposte degli uomini del Sindaco. “La città è già in campagna elettorale, di fatto, e noi con il sindaco Alemanno", ha detto il senatore del Pdl Andrea Augello. In merito alla possibilità che Giorgia Meloni voglia concorrere alla poltrona in Campidoglio, lo stesso ha detto di non essere convinto "che abbia questa intenzione. Piuttosto è impegnata nella creazione di un nuovo partito e quindi la questione non è all'ordine del giorno".

Parla di buon governo Alemanno il coordinatore del Pdl Gianni Sammarco: “Ha amministrato bene per 5 anni la città di Roma, affrontando una congiuntura economica sfavorevole ed ereditando un debito elevatissimo che é riuscito considerevolmente a ridurre. Credo si sia ampiamente meritato di chiedere ai romani un secondo mandato”. “Il Pdl sarà al suo fianco per comunicare incisivamente e capillarmente ai cittadini l'importante lavoro svolto”, ha concluso.

Gli fa eco Vincezo Piso: “Non abbiamo bisogno di una competizione interna perché abbiamo un candidato naturale, uscente, e quindi possiamo evitare le primarie”. Per Piso "prima partiamo per la campagna elettorale e meglio é: indicare un candidato diverso dal sindaco uscente sarebbe un segnale sbagliato anche perché lui è espressione del centrodestra. Per questo, le primarie rischiano di essere solo un esercizio di stile".

Infine è Mauro Cutrufo a dare ulteriore supporto al sindaco: “Ogni campagna elettorale fa storia a sé: credo che il Pdl debba dimostrare di essere un partito vero e credere in sé Credo che questo programma, se ben presentato, possa ridare al Pdl un grande rilancio", ha aggiunto. E in merito alla scelta di un altro candidato ha ricordato che per le elezioni nel Lazio avrebbe "preferito un candidato più moderato come Matone" rispetto a quello scelto come candidato unitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento