rotate-mobile
Elezioni Ladispoli 2012 Ladispoli

Agostino Agaro: "Per Ladispoli più sicurezza e controllo del territorio"

Agostino Agaro, avvocato,è il candidato sindaco del centro-destra di Ladispoli. Per la sua città pensa a un maggiore sviluppo turistico e più attenzione alla sicurezza e al controllo del territorio

Agostino Agaro è avvocato ed è il candidato sindaco del centro-destra di Ladispoli. Dal 2002 al 2007 ha ricoperto il ruolo di presidente dell’Azienda Comunale di Ladispoli “Ala Servizi” e per il futuro della sua città punta tutto su sviluppo turistico, sicurezza, controllo del territorio e l'estensione nella città della raccolta differenziata.

Ladispoli esce da cinque anni di amministrazione di centro-sinistra quali sono stati in questi i principali punti su cui si è concentrata l'azione dell'opposizione in consiglio comunale?

Ladispoli è amministrata da 15 lunghi anni da amministrazioni di centrosinistra. In un paese democratico, fondato sul principio dell'alternanza, è un diritto del cittadino essere governato da una nuova coalizione, soprattutto quando l'amministrazione uscente ha fallito nelle politiche della sicurezza e dello sviluppo del territorio, perdendo pezzi importanti di quella maggioranza che le fece vincere le elezioni nel 2007.

Turismo e ambiente: per questi due temi cosa prevede nel suo programma elettorale?

Ladispoli, nel corso dei lunghi 15 anni di amministrazione di centrosinistra ha perso la sua vocazione turistico-balneare diventando una città dormitorio. E' opportuno fare in modo che Ladispoli possa di nuovo attrarre turisti e, di conseguenza, sviluppare ricchezza e posti di lavoro sul territorio. Tra le gravi inadempienze dell'amministrazione uscente c'è senz'altro quella di non aver esteso la raccolta differenziata a tutta la città, limitandola ad un misero 8% rispetto al 65% imposto dalla normativa nazionale. Il mio fermo impegno sarà quello di estendere progressivamente a tutti i quartieri la raccolta differenziata porta a porta e consentire in breve tempo il riciclo della differenziata anche attraverso il sito di compostaggio presente in loco.

A Ladispoli si presentano ben 9 candidati sindaco: come valuta questa frammentazione politica e come valuta la presenza di movimenti che si dichiarano anti-casta e anti-politica?

La presenza di ben 9 candidati a sindaco è sintomo senz'altro del momento di confusione e di sfiducia nella politica nazionale. Come ha affermato il nostro Presidente della Repubblica i partiti sono necessari per la vita politica del Paese. Ma ciò che è altrettanto necessario è un rinnovamento generazionale ed un nuovo modo di intendere la politica, dove i personalismi e gli interessi personali devono lasciare il posto all'interesse collettivo.

Se dovesse mettere in evidenza i punti del programma che più le stanno a cuore, cosa indicherebbe?

Sicurezza e controllo del territorio, sviluppo delle risorse locali e creazione di posti di lavoro, aiuti alle famiglie ed alle imprese in difficoltà, rafforzzamento dei servizi sociali per dare maggiore assistenza agli anziani, ai disabili ed alle fasce più deboli della società.

Qualora fosse eletto sindaco, quali le priorità nei primi 100 giorni di amministrazione?

Riduzione degli sperperi indirizzando le risorse economiche a favore delle famiglie e del commercio, revisione dell'apparato amministrativo comunale, rafforzamento della presenza della Polizia Municipale sul territorio, applicazione dell'aliquota minima IMU a favore dei pensionati e delle fasce più deboli della società.

 






 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agostino Agaro: "Per Ladispoli più sicurezza e controllo del territorio"

RomaToday è in caricamento