Elezioni Comunali 2012: Provincia di Roma

Celestino Martorelli: "Subito un cimitero nuovo per Monte Compatri"

Celestino Martorelli è il candidato sindaco di "Uniti per Monte Compatri", la sua è una candidatura discussa e criticata, ma lui ha le idee chiare e supera anche con ironia le critiche e le accuse degli avversari

Celestino Martorelli candidato sindaco di Monte Compatri

Celestino Martorelli è il candidato sindaco più discusso di queste elezioni amministrative 2012, è noto per aver lasciato pochi mesi prima del voto la giunta di centro-destra di Marco De Carolis ed essersi presentato alle primarie del centro-sinistra e di averle addirittura vinte. Si prepara ad affrontare il test elettorale di domenica prossima con la lista "Uniti per Monte Compatri" che riunisce tutti i partiti politici del centro sinistra locale, oltre a un’importante rappresentanza della società civile monticiana e delle frazioni di Laghetto, Pantano e Molara. Il programma elettorale della coalizione che sostiene Martorelli ha tre parole d'ordine: la partecipazione, la trasparenza e la solidarietà.

Castelli Today ha raggiunto telefonicamente il candidato sindaco Martorelli che ha evidenziato tre priorità per la sua città a cui presterà immediatamente attenzione se sarà eletto sindaco il prossimo fine settimana: "Riportare il mercato del sabato in piazza, sotto il profilo delle opere pubbliche ristrutturare gli impianti sportivi e risolvere il problema del cimitero comunale. Ad oggi infatti il campo delle enumazioni è al completo così come sono terminati i fornetti, i nuovi defunti dovranno essere trasportati per forza a Roma".

Il clima della campagna elettorale di Monte Compatri è stato infuocato, con accuse e risposte tra i due schieramenti, Celestino Martorelli ha voluto sdrammatizzare in merito alle accuse lanciate dal sindaco Marco De Carolis su una presunta aggressione subita in piazza: "Io non ho aggredito nessuno e ho già chiarito pubblicamente e sulla stampa la questione. Io paragono quel fatto alla storia di  un bambino di sei anni che si chiama Ciccio a cui Pierino a scuola ha detto 'Brutto'. Ciccio è andato da mamma si è messo a piangere perché Pierino gli ha detto brutto."

"I toni accesi non sono stati da parte mia - ha chiarito Martorelli - molto probabilmente il mio avversario, perché è uno l'avversario l'altro è una lista di disturbo, sentendosi molto nervoso ha pensato di mettere sulla rissa la campagna elettorale, ma io non ho accettato provocazioni da nessuno".

La prossima settimana saranno i cittadini di Monte Compatri a scegliere e sul clima elettorale che si respira in paese, Celestino Martorelli non ha dubbi  sulla sua persona e il progetto amministrativo i cittadini di Monte Compatri sono "favorevolissimi".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Celestino Martorelli: "Subito un cimitero nuovo per Monte Compatri"

RomaToday è in caricamento