rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Elezioni Ardea 2012 Ardea

Luca di Fiori: "Per Ardea punto tutto sullo sviluppo turistico"

Luca Di Fiori è il candidato sindaco del centro-destra di Ardea e sostenuto dal sindaco uscente Carlo Eufemi. A Romatoday ha tracciato un bilancio della passata amministrazione e il suo progetto di sviluppo di Ardea

Luca Di Fiori è il candidato sindaco del centro-destra di Ardea sostenuto dall'amministrazione uscente. Nella sua idea di sviluppo Ardea dovrà puntare tutto sul turismo sfruttando il mare e le spiagge. A Romatoday ha illustrato il suo programma elettorale e il suo progetto di città se verrà eletto sindaco.

Lei è il candidato sindaco del centro-destra sostenuto anche dal sindaco Carlo Eufemi. Se dovesse tracciare un bilancio del lavoro svolto, quali i punti di forza di questi anni di amministrazione comunale uscente?

Vorrei precisare che non sono il candidato sindaco solamente del centro-destra  in quanto la coalizione è composta anche da movimenti civici delle diverse realtà ardeatine. La nostra amministrazione ha messo in piedi una seria programmazione prendendo di petto tutte le emergenze del territorio: dalla raccolta differenziata che non c'era, al trasporto pubblico scolastico, le mense, al creare un sistema all'interno dell'amministrazione per garantire la massima visibilità e trasparenza, al combattere l'illegalità fino a quello che si può vedere sul litorale con le demolizioni per far rispettare le leggi e le regole. Per questo motivo stiamo demolendo e siamo arrivati al punto che i cittadini non si oppongono più anzi vengono di persona a denunciare gli abusi edilizi. Abbiamo costruito 30 km di reti, abbiamo messo a norma i depuratori, stiamo costruendo il nuovo depuratore dei Castelli Romani per porre soluzione alle acque in arrivo nei nostri mari. Stiamo costruendo una cittadella della sanità per il primo soccorso, abbiamo inaugurato con la presidente Polverini l'elisoccorso abbinato al 118 h24 che danno una prima forma di servizio sanitario ai nostri cittadini. Abbiamo costruito più di 180 strade, piazze, tre scuole e altre due in costruzione con 54 nuove aule e ottenuto finanziamenti per realizzare due palestra di cui una a Nuova Florida, quindi siamo usciti fuori da un'emergenza del paese e ora abbiamo un paese che è stato finalmente denominato città. Ecco perché porto sempre avanti  lo slogan "Ardea che cresce" perché Ardea sta veramente crescendo in tutti i sensi. Questo lavoro fatto dovrà essere un lavoro ordinario, perché siamo usciti dall'emegenza.

In questo mese di campagna elettorale si è parlato tanto delle presunte irregolarità nella presentazione delle liste, in particolare di quella che porta il nome dell'attuale sindaco e che sostiene la sua coalizione. Come commenta tutta la vicenda?

Non credo che questa vicenda possa portare a risultati elettorali quindi non entro nella questione e non sono io l'organo giudicante. La lista incriminata è stata presentata per terzultima, l'ultima presentata è stata l'IDV quindi anche le altre due dovrebbero essere escluse. Non voglio entrare in queste diatribe, mi interessa fare una campagna elettorale dai toni bassi e cercando di far capire qual è il nostro programma che va verso l'indirizzo di sfruttare la nostra vera ricchezza che è il nostro mare e le nostre spiagge con un indirizzo prettamente turistico, ricettivo e commerciale. A Tor San Lorenzo è partita la ristrutturazione di via Campo di Carne che rappresenta il primo accesso al mare venendo dalla Pontina eliminando i pericoli esistenti. Nostro interesse è far capire ai cittadini cosa abbiamo fatto e cosa vogliamo fare, indirizzando la nostra città verso uno sviluppo turistico perchè siamo fuori dall'emergenza e possiamo portare avanti la programmazione per i prossimi dieci, quindici anni. Abbiamo approvato alcune settimane fa il P.U.A. per nuovi stabilimenti e servizi balneari perché mi interessa fare in modo che la città possa aumentare la capacità di lavoro e permettere nuove fonti di occupazione.

La legalità e l'antimafia sono temi sentiti per la città di Ardea. Qual è la sua posizione da potenziale primo cittadino di Ardea?

Tanto la macchina amministrativa sta lavorando con forte trasparenza non avendo nessun contraccolpo. Abbiamo investito molto sulle assunzioni dei vigili urbani, abbiamo richiesto che il comando dei carabinieri diventasse tenenza con un numero superiore di uomini. Dal punto di vista pratico stiamo combattendo ogni forma di abuso sul territorio in tutte quelle aree di pregio sia archeologico che marino, proprio per rispondere a quella che era un'illegalità diffusa, uno sforzo che costa in termini di tempo e di denaro. Abbiamo però recuperato dei finanziamenti  a livello regionale per la videosorveglianza di aree di interesse nell'intera città.

Un tema molto scottante di questi giorni riguarda gli abitanti di Villaggio Ardeatino che vedranno con molto probabilità la costruzione dell'inceneritore di Albano a pochi metri da casa. Quali le sue idee sulla gestione del ciclo dei rifiuti e sulla costruzione del termovalizzatore?

Il fatto che noi stiamo spingendo in modo forte sulla raccolta differenziata porta a porta e abbiamo circa il 60% del territorio già differenziato e andremo a estenderlo a tutta la città, sta a significare che il nostro interesse non è nel creare nuove discariche e inceneritori perché deve passare la logica che l'immondizia non è uno spreco, ma una ricchezza.

Se sarà eletto sindaco, quali le priorità nei primi 100 giorni di amministrazione?

La priorità assoluta è quella di approvare il bilancio che purtroppo per la prima volta non è stato approvato prima del 31 dicembre in quanto avevamo la prima tassa l'Imu che non si sapeva come calcolare. Avendo un bilancio attivo e consolidato possiamo permetterci come da programma di mantenere la quota comunale dell'Imu ai livelli minimi, ed è un provvedimento che andrà sicuramente nei primi consigli comunali. L'altro atto importante sarà quello di prendere coscienza dell'accordo fatto sulle calcaree per far sì di arrivare a una progettazione urbanistica dell'area e  far sì che i cittadini entrino in possesso della proprietà dell'area o con la concessione in sanatoria.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luca di Fiori: "Per Ardea punto tutto sullo sviluppo turistico"

RomaToday è in caricamento