Mercoledì, 23 Giugno 2021
Politica

III e VIII municipio, si vota in primavera: la decisione della prefetta Basilone

Data più probabile il 3 giugno. Possibile infatti l'accorpamento con il referendum Atac

Nel III e nell'VIII municipio si voterà a primavera. E' la prefetta di Roma Paola Basilone a rompere gli indugi e a smuovere l'impasse a cui i due municipi sembravano condannati. Secondo una comunicazione interna della Prefettura, citata per prima da Repubblica, la Prefetta "provvederà ad adottare il decreto di convocazione dei comizi elettorali al più presto considerando che non si evince né dal testo statutario né dal regolamento del consiglio comunale alcuna specifica disposizione che indichi un termine diverso".

La finestra per votare è quella che va dal 15 aprile al 15 giugno. La data più probabile è quella del 3 giugno quando il Campidoglio ha scelto di far svolgere il referedum per decidere se mettere o meno a gara il servizio di trasporto pubblico. Un election day che per più motivi si trasformerà, una volta di più, in un referendum sulla giunta Raggi. Due territori dilaniati dalle lotte intestine che hanno visto implodere le rispettive amministrazioni a cinque stelle.

Nell'VIII, un anno fa, Pace ha scelto la strada delle dimissioni constatata l'impossibilità di governare insieme alla propria maggioranza. Da allora il municipio è commissariato, "abbandonato" secondo le opposizioni e molti cittadini. Nel III le il cambio di casacca di quattro consiglieri ha portato alla mozione di sfiducia nei confronti della fedelissima di Roberta Lombardi, Roberta Capoccioni. Qui, ad un mese dalla capitolazione, il Campidoglio non ha nominato nè delegato nè commissario.

Al voto territoriale si aggiungerà la consultazione sull'Atac, con la scelta sulla possiblità di mettere a gara il servizio pubblico. Dopo la scelta del concordato preventivo, un voto ancora più importante per il futuro dell'amministrazione pentastellata. Ma se i grillini "tremano", le opposizioni in quest'ultimo caso non possono certo dirsi serene. Il Pd, che ha raccolto le firme per il referendum, non ha una posizione unica sulla questione. Lecito quindi aspettarsi liti e dibattiti interni.

Sempre il 3 giugno si dovrebbe votare in alcuni importanti comuni della provincia. Il litorale in particolare ridisegnerà la propria geografia politica. Si vota infatti a Fiumicino, Pomezia, Anzio e a nord a Santa Marinella. Voti attesi ance a Velletri, Valmontone e San Cesareo. Intanto oggi, dopo la capitolazione del sindaco Fucci causa dimissioni dal notaio dei consiglieri grillino, a Pomezia è stato nominato il commissario. Si tratta di Raffaela Moscarella che svolgerà il ruolo di commissario prefettizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

III e VIII municipio, si vota in primavera: la decisione della prefetta Basilone

RomaToday è in caricamento