Politica

Umberto I, Codacons: "I parenti della donna in coma chiedano i danni"

Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, commenta la notizia della donna in coma e legata a una barella al Policlinico Umberto I

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

"Un episodio vergognoso che getta sconforto circa lo stato della sanità di Roma e Lazio". Lo afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi, commentando la notizia della donna in coma legata ad una barella e senza nutrizione da 4 giorni presso il Pronto soccorso del Policlinico Umberto I di Roma. "Non basta scaricare le responsabilità dell'accaduto sulla mancanza di posti letto - prosegue Rienzi -. Siamo di fronte ad una violenza inaccettabile e ad una chiara lesione della dignità umana. Invitiamo i parenti della donna in coma, anche attraverso l'assistenza del Codacons, a chiedere i danni ai responsabili di tutto ciò: ospedale, Regione Lazio e Servizio Sanitario Nazionale. Riteniamo che simili episodi debbano essere puniti, e il danno subito dalla paziente e dai suoi familiari adeguatamente risarcito" conclude il presidente Codacons.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Umberto I, Codacons: "I parenti della donna in coma chiedano i danni"

RomaToday è in caricamento