rotate-mobile
Politica

Elezioni regionali, Bianchi: “Ticket con PD non credibile, noi siamo l’alternativa”

Bianchi ai candidati del M5s per le regionali: "Parliamo con le persone che non vanno più a votare"

Convincere gli indecisi e marcare le distanze con i principali competitor della prossima tornata elettorale. Sono questi i messaggi che ha mandato Donatella Bianchi ai candidati pentastellati incontrati, il 14 gennaio, nella sede M5s di via Campo Marzio.

La distanza con le coalizioni di D'Amato e Rocca

L’ex presidente del WWF Italia, al tavolo dei relatori con la vicepresidente vicaria del M5s Paola Taverna e con la coordinatrice regionale Valentina Corrado, ha ribadito la propria contrarietà e quella della coalizione che rappresenta alla realizzazione del termovalorizzatore di Santa Palomba. “La campagna degli altri è solo sul ‘Sì’ all’inceneritore su cui noi abbiamo una posizione chiara non negoziabile” ha dichiarato Bianchi, prima di asserire che  “Nel Lazio noi siamo alternativi al PD e alla destra. Inoltre molte delle posizioni di D’Amato, come quasi tutte quelle di Rocca, sono lontane da noi e lo continueremo a ribadire per tutta la campagna”.

Il ticket con D'Amato ritenuto poco credibile

A proposito di D’Amato, l’ex conduttrice di Linea Blu, è entrata anche nel merito di una proposta, quella del “ticket” con il candidato di centrosinistra, che avrebbe comportato un ripensamento della coalizione e la rinuncia, per Bianchi, della corsa alla presidenza. Un’ipotesi, quella del “ticket fatto a mezzo stampa” che la candidata ha definito “senza alcun tipo di credibilità”. 

Anzi, rimarcando il punto, l’ex presidente del WWF Italia ha sottolineato che “Se fossi stata un uomo non mi avrebbero mai chiesto un passo indietro. E questo deve far riflettere. Lo abbiamo detto più volte e lo ribadisco ora: non c’è mai stato alcun margine per un accordo politico nel Lazio perché il Pd ha deciso di muoversi in totale autonomia senza condividere nulla sul percorso. Il resto è pura strumentalizzazione da campagna elettorale”.

Elezioni regionali: le liste a sostegno dei candidati alla presidenza

I delusi da riconquistare

I primi sondaggi, però, relegano la candidatura di Donatella Bianchi ad una considerevole distanza dal tandem Rocca e D’Amato, che sembrano i veri contendenti alla poltrona di governatore del Lazio. C’è però, nei sondaggi, anche un altro dato da considerare: quello di una significativa astensione. Ed è lì che il M5s ed il Polo progressista che sostiene Bianchi, secondo la diretta interessata, dovrà provare a lavorare.

“Dobbiamo guardare a chi non va a votare, a chi si astiene, ai delusi, agli arrabbiati. Noi siamo coerenti, lo siamo stati sempre. A noi non ci interessano poltrone o accordi vari. Giriamo il territorio per parlare con tutte quelle persone che a votare non ci vogliono più andare o non ci vanno più da anni. Noi siamo l’aria nuova. E io sono la testimonianza di tutto ciò” ha dichiarato Donatella Bianchi che si è definita  “Una delusa da un certo tipo di fare politica che si candida oggi con il M5S di Giuseppe Conte per dare voce a chi voce non ha”. Un compito che si può adempiere soltanto marcando il territorio, alla ricerca dei delusi ancora disposti a ricredersi ed a tornare, il 12 e 13 febbraio, alle urne.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni regionali, Bianchi: “Ticket con PD non credibile, noi siamo l’alternativa”

RomaToday è in caricamento