Aria condizionata incompatibile con norme anti-Covid: le Domus Romanae restano chiuse, i lavoratori sospesi

Nell'incertezza gli addetti a biglietteria, bookshop e visite guidate. I sindacati: "Subito tavolo, sito archeologico non può rimanere serrato"

Le Domus Romane di Palazzo Valentini chiuse dall’inizio del lockdown e ancora inaccessibili: i lavoratori a casa, sospesi nell’incertezza più totale, tra ammortizzatori sociali e lo spettro della mobilità non appena questi scadranno.

Una decina in tutto tra addetti alla biglietteria, al bookshop e alla visita all'area, un fiore all'occhiello della moderna divulgazione archeologica di cui la città è rimasta orfana. 

Le Domus Romane di Palazzo Valentini chiuse

Secondo quanto riportato dai sindacati alla base della mancata riapertura delle Domus Romanae ci sarebbe l’incompatibilità dell’impianto di condizionamento con le nuove disposizioni sanitarie con la società Civita Mostre e Musei Spa, che gestisce il sito, a rimandare la responsabilità del mancato adeguamento al committente, ossia Città Metropolitana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati chiedono incontro: “Lavoratori nell’incertezza”

Da qui la richiesta di incontro che Filcams-Cgil e Fisascat-Cisl hanno inviato all’amministrazione Capitolina e alla società: “Chiediamo con forza e senza ulteriori rimandi che venga organizzato un tavolo congiunto con committenza e concessionario perché si trovi una soluzione, è inaccettabile - hanno detto i sindacalisti Livia Astolfi e Carlo Bravi - che un sito di questa rilevanza rimanga chiuso per una diatriba sui lavori di adeguamento, mettendo in serio pericolo i livelli occupazionali di lavoratori già provati da mesi di difficoltà economiche. In una città come Roma, che ha nel patrimonio artistico la sua vera ricchezza, questi luoghi dovrebbero essere valorizzati e non lasciati a se stessi ed il settore del turismo culturale chiede con forza una vera programmazione a medio e lungo termine”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento