rotate-mobile
Politica Casal Palocco / Via del Canale della Lingua

Stop ai tir sulla via che fiancheggia il fosso: “Non c’è spazio per loro, bloccano la strada”

Il capogruppo municipale di Azione Andrea Bozzi: "Dove la carreggiata si restringe i mezzi pesanti faticano a fare manovra e bloccano la via nei due sensi di marcia"

Basta mezzi pesanti su via del Canale della Lingua. È questa la richiesta depositata nel consiglio municipale di Ostia. Perché la strada in questione, originariamente pensata per la viabilità locale, è in realtà attraversata anche da mezzi pesanti senza, però, averne le dimensioni adatte.

La strettoia che blocca i tir

La strada, priva di marciapiedi, collega la Cristoforo Colombo con via dei Pescatori. Si sviluppa come un lungo rettilineo ma chi proviene da Ostia, si trova proprio all’altezza di via dei Pescatori a dover fare i conti con una strettoia. Lì i veicoli di particolare ingombro faticano a svoltare a destra e, di conseguenza, restano a lungo impegnati in laboriose manovre. E quanto siano difficili lo testimoniano anche i guard-rail, in quel tratto ormai divelti per i tanti colpi ricevuti dai mezzi pesanti.

Le ripercussioni sulla viabilità locale

Nel fare le proprie manovre i tir, che attraversano la strada per raggiungere dalla Colombo la zona industriale di Acilia e Dragona, oltre che l’Ostiense, finiscono per bloccare la viabilità locale. “Ogni volta che un mezzo pesante si blocca - ha spiegato Raffaella Vecchiarelli, segretaria di Azione in Municipio X - ci sono enormi disagi per la cittadinanza, visto che si tratta di una strada molto trafficata, soprattutto al mattino perché percorsa dai cittadini provenienti da tutti i quartieri che insistono sulla Colombo e che si dirigono verso la Via Ostiense per raggiungere Ostia, la zona industriale di Acilia o anche l'Istituto Scolastico Carlo Urbani. Esistono percorsi alternativi che chiederemo vengano segnalati correttamente e in evidenza per chi trasporta merci o per i bus turistici".

Le mappe satellitari ingannevoli

Cosa fare quindi per evitare che i residenti restino imbottigliati nel traffico lungo la strada? “La nostra proposta è molto semplice, vietare il passaggio di tir e pullman turistici su via Canale della Lingua, che è una strada stretta e a doppio senso, senza marciapiedi, dove il passaggio di mezzi pesanti provoca quotidiani ingorghi” ha ricordato Andrea Bozzi “Dalle mappe satellitari viene consigliato quel tragitto per raggiungere la via Ostiense dalla Colombo e viceversa, ma senza spiegare che non è un percorso idoneo, perché ci si passa appena. È capitato più volte che dei mezzi pesanti guidati da autisti che non conoscevano la zona restassero completamente bloccati, ad esempio all'incrocio con via del Fosso di Dragoncello, perché la carreggiata si restringe, così come in prossimità dell'incrocio con via dei Pescatori”.

La proposta, depositata in municipio X, impegna il presidente Mario Falconi ad attivarsi con la polizia locale per vietare l'attraversamento di via del Canale della Lingua dai mezzi pesanti, pullman turistici inclusi.

I danni causati dai mezzi pesanti in manovra

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stop ai tir sulla via che fiancheggia il fosso: “Non c’è spazio per loro, bloccano la strada”

RomaToday è in caricamento