menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Case del comune in vendita, Marino: "Ho incontrato alcuni grandi immobiliaristi. C'è interesse"

Il sindaco ha illustrato alle società del settore il proprio progetto di vendita. Contrario il consigliere Nanni: "Affidare la dismissione a Risorse per Roma"

Un incontro con alcune 'grandi società immobiliari' per “presentare la nostra visione di valorizzazione del patrimonio” e illustrare il progetto dell'amministrazione capitolina in merito agli immobili in via di dismissione. Il sindaco Marino prepara il terreno per la vendita dei circa 600 immobili contenuti nella proposta di delibera 88 che ne prevede la dismissione da cui l'amministrazione capitolina conta di ricavare circa 280 milioni di euro. “C'è molto interesse” ha commentato al termine degli incontri che si sono tenuti questa mattina. Il primo cittadino aveva annunciato i colloqui nel corso delle commissioni riunite Bilancio e Finanza alla Camera dove è stato sentito in merito al Salva-Roma. Top secret, almeno per ora, i nomi degli 'immobiliaristi' che hanno risposto all'appello del Comune nè se si tratti di incontri per la vendita degli immobili o per la gestione di tale dismissione. 

“Per la maggior parte sono situazioni inutilizzabili per il Comune perché ad esempio si tratta di appartamenti inseriti in un grande edificio non di proprietà comunale per il quale non abbiamo la possibilità di valorizzazione”. Non solo gli immobili contenuti nella delibera. Il primo cittadino ha spiegato: “Abbiamo anche illustrato quale sia la nostra visione generale rispetto agli immobili che Roma possiede sia quelli che vogliamo valorizzare per usi pubblici sia aree da valorizzare a scopo residenziale, altre come alloggi sociali e altre ancora dandole in uso a istituzioni dello Stato come la Guardia di Finanza”.

L'incontro con le società immobiliari del sindaco però non è piaciuto a tutti. Le obiezioni arrivano dalla stessa maggioranza in Consiglio. “L'affidamento a privati delle dismissioni immobiliari del Comune di Roma è contraddittorio” dichiara il presidente della commissione Lavori Pubblici di Roma Capitale Dario Nanni. “Mentre ci apprestiamo a tagliare i costi dell'amministrazione e a razionalizzare la spesa si ignora che una delle società in house Risorse per Roma è specializzata nella valorizzazione e dismissione del patrimonio comunale. L'annuncio del Sindaco sulla disponibilità di circa 600 immobili pronti ad essere dismessi e da cui si potranno ricavare circa 280 milioni di euro è senz'altro una notizia positiva. Non si comprende però perché il sindaco si appresti ad incontrare alcune delle società immobiliari private che sicuramente dalle dismissioni vorranno ricavare dei proventi”.

Nanni inoltre fa il punto anche sulla gestione degli immobili di edilizia residenziale pubblica affidate negli anni passati alla Romeo Gestioni. L'appalto “è scaduto a ottobre” informa il consigliere. “Cosa attende la Giunta per approvare la delibera di affidamento a Risorse per Roma?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento