menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Disabili, la lettera al presidente Mattarella: "Con la pandemia famiglie sole, abbandonate e stanche"   

La denuncia al presidente della Repubblica dalle associazioni di caregiver familiari

Aiuti economici inesistenti o insufficienti, assenza di percorsi in ospedali dedicati ai disabili che hanno bisogno di accompagnamento, servizi di assistenza ridotti al lumicino dagli enti preposti, che in tempi di pandemia non hanno rimodulato a dovere gli interventi in forma domiciliare. Sono alcuni dei punti contestati da chi assiste un familiare disabile, contenuti in una lettera redatta dall'associazione Caregiver Familiari Comma 255, firmata da decine di associazioni, una ventina di Roma, e indirizzata direttamente al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

Nessun aiuto economico

"Dal marzo scorso denunciamo la poca attenzione alla condizione delle persone con disabilita? e dei loro caregiver familiari nel governare la crisi pandemica e sanitaria in atto" si legge nella missiva. Già, perché le risorse economiche fornite dalle amministrazioni pubbliche non bastano per chi ha un familiare disabile a carico, e magari nel frattempo ha perso il lavoro o è costretto a rinunciarvi per sopperire a un'assistenza pubblica, in tempi di pandemia, carente. "L'inesistenza di supporti economici ai caregiver familiari lascia le nostre famiglie piu? povere abbandonate e sole" denunciano le associazioni. Una categoria di cittadini che sembra essere stata dimenticata quella di chi è affetto da disabilità, anche a livello sanitario. 

Abbandonati in ospedale

"Denunciamo l'assenza di percorsi di ospedalizzazione covid 19 rispettosi dell'esigenza di accompagnamento dei nostri congiunti con disabilita?" spiegano ancora. Aspetto "che induce le famiglie a non denunciare la positivita? della persona con disabilita? o del caregiver familiare". E ancora, "il mancato ripristino dei servizi gia? carenti a regime e la forte resistenza di enti erogatori, lavoratori ed enti locali a rimodularli in forma domiciliare".

Il tutto che si aggiunge - per quanto riguarda la sola regione Campania - al mantenimento delle scuole aperte esclusivamente ai ragazzi con disabilità. Una scelta che a tanti genitori non è piaciuta, perché vissuta come una sorta di percorso differenziale per i più fragili e quindi di smantellamento improvviso delle tante fatiche fatte per raggiungere un'integrazione almeno scolastica: "Si rischia così di riaprire le classi differenziali. Il presidente Mattarella ci aiuti a scongiurare che si ratifichi con i fatti un percorso differenziale per i nostri figli con disabilita?, foriero di un inaccettabile ritorno al passato". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento