Dimissioni Marino, Sabella: “Sindaco? non scherziamo, torno in magistratura”

L’ex assessore alla Legalità intervistato su YouTube da Klaus Davi nel programma KlausCondicio: “Su un eventuale progetto su Roma valuterò”

Klaus Davi intervista Sabella su KlausCondicio

Sindaco di Roma? Non scherziamo, sono magistrato e resto tale". Questa una sintesi dell’intervista rilasciata dall’ex assessore alla Legalità del Comune di Roma Alfonso Sabella, che ha risposto alle domande da Klaus Davi per il programma KlausCondicio, in onda su You Tube. “Cosa farò da grande? La settimana prossima sicuramente avvierò le pratiche per il mio rientro in ruolo in magistratura. Sono magistrato e resto tale. Qualora ci fosse un progetto su Roma di carattere tecnico, ma nessuno me ne ha parlato, valuterò”.

BUCCIA DI BANANA - L’ex assessore del dimissionario Marino poi sottolinea: “Ho parecchia amarezza dentro, parecchia rabbia per il fatto che per una buccia di banana, sia pure che possa essere coniugata con una possibile, ma tutta da dimostrare, responsabilità di tipo penale, abbiamo dovuto interrompere un programma di legalità e di ripristino della trasparenza al comune di Roma”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PIU' REALISTI DEL RE - E a proposito del dimissionario sindaco di Roma, Ignazio Marino, Sabella dice a Klaus Davi : “Bisognava essere solidissimi e inattaccabili sotto qualunque profilo. L’unico rimprovero che faccio a Marino è il fatto di non essersi blindato anche rispetto alla leggerezze. Avremmo dovuto essere più realisti del re. Molto più forti e molto più solidi e inattaccabili, evitando scivoloni sulle bucce di banana, anche in merito alle stupidaggini e al vino da 55 euro. Saremmo dovuti essere iper calvinisti. Se ti chiama la moglie e sei in ufficio la richiami col tuo cellulare privato e non con quello dell’ufficio, per capirci.”  
 
SINDACO DI ROMA -  E alla domanda  “Sabella sindaco?”, il magistrato risponde: “Non scherziamo. Le operazioni politiche non spettano a me. Lo ripeto, per un progetto di  carattere tecnico valuterei. Proprio per una mia caratteristica personale. Sono uno dei pochissimi magistrati a non essere mai stato iscritto a nessuna corrente della magistratura perchè voglio mantenere al massimo la mia indipendenza". 
 
LE SCUSE - Nel corso dell’intervista del programma KlausCondicio, Sabella chiarisce il suo punto di vista sull’espressione usata in una lettera rivolta, qualche giorno fa, a esponenti del Movimento 5 stelle. “Ma si, posso chiedere scusa per me cojoni”. E precisa: “Sì, posso chiedere scusa. E’ un’espressione romana talmente diffusa, ma non fa parte del mio linguaggio abituale. Mi è venuta più facile scriverla che dirla. A dirla a voce, non ci sarei riuscito”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Scuola, nel Lazio il rientro è a ingressi scaglionati: ecco le fasce orarie

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento