rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Politica

Grillo e la frase sulle brigate spaccano il Pd. D'Amato si dimette dall'assemblea nazionale

L'ex assessore e candidato alla presidenza della regione annuncia le dimissioni. Mariano Angelucci, candidato alla segreteria regionale: "Grave errore aderire alla manifestazione nazionale"

Beppe Grillo torna in campo e, come sempre accade, quello che provoca non è mai banale. Nella manifestazione del M5s di ieri fa rumore la sua frase, poi spiegata dal suo ufficio stampa, sulle brigate. 

Cosa ha detto Grillo

Prendendo la parola ha detto: "Volete il leader? Ma siate i leader di voi stessi. Reagite!", ha detto in un passaggio del discorso dal palco della manifestazione di Roma in cui affrontava il problema del lavoro. "Fate le brigate di cittadinanza, mascheratevi coi passamontagna e di nascosto andate a fare i lavoretti. Mettete a posto le aiuole, i marciapiedi e di nascosto scappate". L'evocare le brigate ha acceso le polemiche e non è mancato chi ha parlato di evocare l'eversione. Una polemica che ha reso necessario l'intervento del suo ufficio stampa: "Beppe parlava di cittadinanza attiva, ovvero cittadini che si impegnano per pulire le strade, sistemare panchine.... Si sta montando un caso inutile. Le leggi vietano che qualcuno ripari una panchina, quindi bisogna farlo di nascosto...".

Nella mattinata di oggi lo stesso Grillo Beppe Grillo ironizza ma non arretra. Su Instagram il fondatore del M5S ha postato infatti la foto di un uomo con la t-shirt del Movimento indosso e il contestato passamontagna sul volto, con un cartello con su scritto 'brigata di cittadinanza reparto d'assalto'. A commento della foto, Grillo scrive 'brigata 'riparazione panchine", tornando all'esortazione fatta ieri in piazza, quando ha invitato il pubblico a darsi a 'lavoretti', promuovendo le brigate di cittadinanza. La foto risulta ironicamente postata dall''Altrove'.

D'Amato si dimette

Le polemiche riguardano soprattutto il partito democratico e la decisione della segretaria Elly Schlein di partecipare alla manifestazione. A Roma gli effetti più duri, con Alessio D'Amato, già assessore alla sanità e membro nazionale della segreteria, che ha annunciato le dimissioni: "Ho comunicato a Stefano Bonaccini le mie dimissioni dall’Assemblea Nazionale del PD. Brigate e passamontagna anche No. È stato un errore politico partecipare alla manifestazione dei 5S. Vi voglio bene, ma non mi ritrovo in questa linea politica".

Mariano Angelucci, candidato alla segreteria regionale, spiega: "È stato un grave errore aderire alla manifestazione del M5S. Non si capisce più quale sia la linea del PD su temi molto importanti per la nostra storia e la nostra comunità. Così non va bene. Siamo d'accordo che si debba dare del tempo alla Segretaria ma non si capisce più che cosa è il nostro partito. Per questo esprimiamo vicinanza ad Alessio D'Amato"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grillo e la frase sulle brigate spaccano il Pd. D'Amato si dimette dall'assemblea nazionale

RomaToday è in caricamento