Venerdì, 12 Luglio 2024
Politica

Urbanistica, stop alle scartoffie: Scia e permessi a costruire adesso si chiedono online

Niente più domande cartacee o Pec, il dipartimento comunale attiva uno sportello telematico per permettere lo smaltimento di 10.000 richieste l'anno

Bandita la carta, finalmente i servizi urbanistici del comune si aprono al digitale e semplificano le procedure per presentare una Scia (la segnalazione certificata di inizio attività) o una domanda di permesso a costruire.

Il dipartimento urbanistica, infatti, ha attivato la trasmissione telematica dei documenti, tramite lo sportello unico per l'edilizia telematica (Suet), così come già avviene per la richiesta di Cila, la comunicazione di inizio lavori asseverata. Le ditte, quindi, non saranno più obbligate a presentare la domanda cartacea o tramite posta elettronica certificata. 

“Dopo aver avviato la digitalizzazione dei fascicoli relativi alle pratiche di condono - commenta l'assessore all'Urbanistica Maurizio Veloccia -, rendendoli consultabili da parte dei tecnici da remoto, aggiungiamo un altro tassello nel processo di innovazione e digitalizzazione che stiamo portando avanti con l’obiettivo di semplificare le procedure relative al nostro dipartimento. Negli ultimi 4 anni la media delle Scia e delle domande di permessi a costruire presentate ai nostri uffici sono state di circa 10.000 l’anno. E’ evidente, quindi, che la nuova procedura online non solo consentirà ai cittadini di risparmiare tempo ma, contestualmente, permetterà ai nostri uffici di concentrare tempi ed energie per velocizzare anche altri servizi". 

Dopo due anni di stop riapre al pubblico l'ufficio condoni. Veloccia: "Così smaltiremo le pratiche"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urbanistica, stop alle scartoffie: Scia e permessi a costruire adesso si chiedono online
RomaToday è in caricamento