"Differenziata per il 2020 non oltre il 50%". Così i tecnici smontano i sogni di Raggi

Lo ha detto il capo della direzione Rifiuti di Roma Capitale, Laura D'Aprile. Secondo le promesse fatte dalla sindaca nel 2017, Roma avrebbe raggiunto il 70% entro fine consiliatura

Secchioni porta a porta, immagine d'archivio

"L'obiettivo di raccolta differenziata per il 2020 che può essere indicato è quello del piano finanziario tariffa, che è del 50%". Lo ha detto il capo della direzione Rifiuti di Roma Capitale Laura D'Aprile, ascoltata ieri in commissione Bicamerale Ecomafie. D'Aprile ha ricordato anche il dato più recente disponibile di raccolta differenziata nella Capitale che "nel primo semestre del 2019 è pari al 45,87%".

E al massimo potrebbe arrivare appunto a 50 nell'anno in corso. Vista la progressione di crescita degli ultimi anni - intorno all'1% anno su anno - è un obiettivo già ambizioso di per sè, ma ben lontano da quel 70% promesso con il piano "per la gestione dei materiali post-consumo 2017-2021", firmato ormai tre anni fa dall'allora assessora Pinuccia Montanari. 

Venti punti in meno che certificano il fallimento di un dossier fatto di idee mai messe in campo. Dalla "green card" per i cittadini virtuosi, con sistemi premiali, ai centri per il riuso creativo, alle Ama di municipio. Nulla di tutto questo è mai diventato realtà. E non solo l'assessore che lo ha firmato si è dimesso nel 2018 e non è mai stata sostituito, ma non c'è più neanche un piano alternativo. Resta quel 70% a ricordare un libro dei sogni rimasto tale. 

Con il sistema porta a porta che per il momento è stato esteso a X, VI e IV municipio ma con evidenti falle, tanto che in VI e IV alcune zone sono tornate alla raccolta stradale, come spiegò la stessa dirigenza Ama in una commissione Trasparenza sul tema lo scorso gennaio. Proprio ieri, in IV municipio, è stata presentato un nuovo modello, ancora in fase più che embrionale. Una sorta di mini isola ecologica, dove la raccolta differenziata si fa a orari e con videosorveglianza. Per molti il certificato finale del flop del porta a porta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Torna #vialibera: a Roma quindici chilometri di strade solo per pedoni e ciclisti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento