menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Politiche abitative, in Aula una delibera per l'housing sociale: "Serve un censimento di queste case"

Il provvedimento è stato elaborato dalle commissioni Urbanistica e Politiche Abitative

Realizzare un censimento degli appartamenti privati realizzati come housing sociale, da affittare cioè a prezzi più bassi rispetto a quelli di mercato. Così che tutti possano sapere quanti sono e dove sono collocate queste case destinate a quanti, pur non rientrando nei limiti economici previsti per l’accesso all’edilizia pubblica, non sono nemmeno abbastanza ricchi per canoni a libero mercato. È questo il cuore della delibera di iniziativa consiliare che è stata presentata ieri in Consiglio comunale.

“Il provvedimento”, spiega la presidente della commissione Patrimonio e Politiche Abitative Valentina Vivarelli “nasce da un lavoro congiunto tra questo dipartimento e l’Urbanistica”. La seconda firma è infatti quella della presidente della commissione competente, Donatella Iorio. “La fonte normativa dell’housing sociale è prevalentemente di tipo urbanistico, come il piano casa regionale: costruttori privati in cambio di moneta urbanistica si offrono di realizzare questi alloggi destinati a soggetti con particolari caratteristiche. La vera novità sta nel coinvolgere le Politiche abitative. Crediamo infatti che l’housing sociale sia stato un aspetto fino ad oggi trascurato mentre invece è fondamentale per prevenire l’emergenza abitativa. Pensiamo soprattutto a quelle famiglie che vedono peggiorare la propria posizione economica e per le quali si può trovare una soluzione prima che arrivino in emergenza abitativa”.

La delibera è frutto di una lunga serie di riunioni: “Siamo partiti considerando da tutta la normativa in merito e abbiamo svolto degli approfondimenti per calarla sul caso del Comune di Roma, stabilire tutte le competenze che gli spettano in base alle leggi regionali e, con il fine di migliorarne l’utilizzo, anche qualcosa in più rispetto a questo”. La delibera chiede quindi di “realizzare un registro degli appartamenti in housing sociale censiti e di capire quanti e dove sono collocati, divisi per municipi. In questo modo il Comune potrà pubblicizzare questi interventi e dare maggiore trasparenza alla divulgazione della notizia. Inoltre chiediamo che vengano realizzati là dove è collocato l’intervento principale. Troppo spesso si costruisce in centro e la componente di housing sociale viene realizzata in quartieri periferici”. La delibera arriverà in Aula martedì prossimo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento