rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Politica

Delibera 140, in piazza del Campidoglio "per un uso sociale del patrimonio pubblico"

Le realtà colpite dalla delibera 140, in vista della sua riscrittura, hanno portato in Campidoglio le loro richieste

Riscrivere le regole per la gestione del patrimonio indisponibile di Roma Capitale. E’ questo quello che chiedono le settanta realtà che hanno aderito all’appello lanciato in piazza del Campidoglio, nella giornata del 7 aprile.  Intorno alla statua del Marco Aurelio, con una delegazione di rappresentanti dell’assemblea capitolina, è infatti ripreso il confronto degli spazi sociali che chiedono di superare la delibera 140, il provvedimento elaborato dall’amministrazione Marino per la gestione di centinaia d’immobili di proprietà comunale.

La scrittura del nuovo regolamento

Il superamento della delibera, già ad inizio mandato, era stata annunciata dall’assessore al patrimonio Tobia Zevi come una delle priorità dell’amministrazione. Recentemente intervistato da RomaToday, Zevi ha chiarito che  “la modalità dell’assegnazione di uno spazio pubblico è il bando”. Fatta questa premessa, però, ha anche dichiarato l’interesse dell'amministrazione a mantenere “un meccanismo dal basso verso l’alto” attraverso il quale “recepire le istanze che arrivano da un territorio” in materia di servizi. C'è poi la questione dei debiti accumulati da molte realtà sociali che gestivano il patrimonio indisponibile di Roma Capitale, nei confronti delle quali Zevi ha annunciato l'intenzione di procedere ad una “lunga rateizzazione”.Questo, quindi, è il perimetro entro il quale sarà scritto il nuovo regolamento “da portare in aula entro l’estate”. Il tempo quindi stringe e, anche per questo, le associazioni hanno deciso di farsi sentire in Campidoglio.

I punti su cui lavorare

Cosa fare? “Superiamo la delibera 140 attraverso una grande consultazione che ascolti la cittadinanza, le associazioni e le istituzioni locali, per individuare proposte concrete da inserire nella nuova delibera che tengano conto dei punti critici fin qui individuati” ha dichiarato Alessandro Luparelli, il capogruppo di Sinistra Civica Ecologista, intervenuto nel dibattito venutosi a creare in piazza del Campidoglio. I punti su cui lavorare, sono quelli che puntano a ridefinire i “criteri di assegnazione, superando il bando come unica forma” ha sottolineato Luparelli, senza dimenticare di “sanare definitivamente il pregresso” salvando in tal modo “le decine di associazioni e realtà sociali devastate dalla delibera 140”.

Il percorso di ascolto nei territori

Intanto le realtà che hanno organizzato l’incontro in piazza del Campidoglio, tra cui Spin Time,  il Lab Centocelle, il centro sociale Spartaco e la Fondazione Charlemagne, solo per citarne alcune, hanno rivendicato l’esigenza di “una politica orientata alla concreta valorizzazione e al riconoscimento dell’uso, della gestione e della trasformazione del patrimonio in chiave sociale”. Per raggiungere questo obiettivo, hanno hanno annunciato  che il 21 aprile avvieranno “un percorso di consultazione nei territori in grado di ascoltare e recepire i suggerimenti della cittadinanza e delle tante forme organizzative che in questi anni hanno resistito e reinventato pratiche mutualistiche, relazionali, politiche nei territori”. Un processo consultivo che, auspicano, possa prevedere anche “il coinvolgimento attivo delle forze istituzionali comunali e municipali”.

Il superamento della delibera

“Hanno fatto bene le associazioni presenti ad avanzare anche una proposta di superamento della Delibera 140 che, in questi anni, non solo ha prodotto ricalcoli di canoni eccessivi ma ha di fatto messo in ginocchio l'intero comparto associativo della citta, spegnendo esperienze sociali e culturali preziose - hanno commentato a margine dell'incontro in consiglieri democratici Nella Converti; Erica Battaglia e Yuri Trombetti - Faremo nostre le proposte e forti della disponibilita dell'assessore Zevi, che ha gia iniziato un lavoro di redazione della nuova norma, siamo certi di arrivare presto al superamento della delibera 140”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Delibera 140, in piazza del Campidoglio "per un uso sociale del patrimonio pubblico"

RomaToday è in caricamento