La Lega raddoppia in Campidoglio: Bordoni firma il passaggio e dice addio a Forza Italia

L'ex azzurro entra nel gruppo di Salvini. Vani i tentativi di Silvio Berlusconi di trattenerlo. "Progetto entusiasmante, sono molto contento di farne parte"

Da sinistra Davide Bordoni e Maurizio Politi (gruppo Lega)

Il passaggio è ufficiale. Come anticipato dal nostro giornale ormai a metà dicembre, Davide Bordoni lascia Forza Italia e sale sul Carroccio. Ci sono le firme, sua e del consigliere Maurizio Politi, fino a ieri unico salviniano in Campidoglio, per la formazione del nuovo gruppo consiliare Lega-Salvini Premier. "Cura del territorio, sicurezza ed equità sociale sono i principi ispiratori della nuova formazione, che ha come priorità portare avanti una politica di contrasto al malgoverno della Raggi per un miglioramento della qualità della vita nella Capitale" hanno dichiarato i due. 

Un cambio di casacca che si è fatto attendere. Stando alle indiscrezioni circolate, lo stesso Silvio Berlusconi si sarebbe mosso per congelare l'iter e tentare di convincere uno dei suoi storici esponenti romani a restare tra gli azzurri. Lo strappo però era già più che consumato, tanto che Bordoni si fa vedere ormai da tempo a fianco dei leghisti. 

"No non ci sono stati ostacoli politici, solo dei rallentamenti per la chiusura del cerchio sulle elezioni regionali di Calabria ed Emilia Romagna, poi nel mezzo le vacanze di Natale" commenta a RomaToday. "Sono contento di essere uno dei due esponenti del gruppo. Il progetto è entusiasmante. È importante costruire una squadra forte e competente, che abbia la necessaria conoscenza delle problematiche". Conoscenza che certo all'ex forzista, figura politica di peso nel panorama romano, non manca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mi ritrovo nella Lega come filosofia, e poi c'è anche una questione generazionale, con Matteo Salvini e Claudio Durigon (coordinatore della Lega Roma e provincia, ndr) abbiamo la stessa età". Le battaglie chiave per far ripartire Roma? "Sono tante, riguardano l'ordinario, penso a pulizia, manutenzione e decoro cittadino, ma anche quei grandi progetti che serviranno per riportare la città al rango di grande capitale europea". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento