menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Daniela Porro

Daniela Porro

Soprintendenza, nominata Daniela Porro ma è polemica dal M5s: "Ignorati rilievi della Corte dei Conti"

Il ministro Franceschini conferma la nomina della sostituta di Francesco Prosperetti. Polemiche dal M5s

Il ministro per i Beni e le Attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, ha nominato Daniela Porro a capo della Soprintendenza speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma. Daniela Porro, Dirigente storico dell'arte del Mibact dal 2009 a seguito di concorso pubblico, ha ricoperto numerosi incarichi, consolidando l'esperienza sia nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio culturale che nella gestione amministrativa e di bilancio. È attualmente direttore del Museo Nazionale Romano, negli anni 2009-2012 ha diretto il Servizio Tutela del patrimonio storico artistico ed etnoantropologico e circolazione internazionale delle opere della Direzione Generale per il Paesaggio, le Belle Arti, Arte e Architettura contemporanee. 

Una conferma che arriva a seguito della nomina ad interim dell'ex ministro del governo gialloverde Alberto Bonisoli, a sostituzione di Francesco Prosperetti, assente da tempo e rinviato a giudizio nell'inchiesta sullo stadio della Roma. Un nome quello di Porro che però non piace al M5s, specie dopo i rilievi effettuati dalla Corte dei Conti sulla sua nomina ad interim. Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica,  si potrebbe configurare un danno erariale. Perché in realtà Prosperetti risulta assente per malattia e la questione da chiarire riguarda la legittimità dell'erogazione del doppio stipendio: quello del soprintendente in congedo e l'ingaggio della sostituta. 

"Lascia stupefatti la scelta del ministro per i Beni e le Attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, che ha nominato Daniela Porro a capo della Soprintendenza speciale archeologia, belle arti e paesaggio di Roma. Non possiamo non rilevare che questa nomina appare inopportuna poichè arriva dopo i rilievi formulati dalla Corte dei Conti sull'incarico ad interim alla stessa Daniela Porro, stavolta scelta attraverso una selezione interna, il cosiddetto interpello. Roma merita un o una responsabile con acclarate competenze pluriennali e profonda conoscenza della legislazione in materia, la cui nomina non può scontare alcuna ombra. I fatti ci dicono che purtroppo questa nomina non ne è esente. Alla luce di tutto ciò chiederemo al ministro Franceschini quale sia la spiegazione e motivazione della nomina". Così in una nota le senatrici e i senatori del Movimento 5 Stelle in Commissione Cultura. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento