Politica

Muraro, sei mesi di imbarazzo a cinque stelle. I sette momenti clou

Sei mesi difficili, bersagliata su più fronti. Il vero tallone d'Achille della giunta Raggi. Ecco i momenti clou

Alla fine è arrivato anche l'avviso di garanzia. E le dimissioni, "per senso di responsabilità e trasparenza", dell'ormai ex assessore all'Ambiente, Paola Muraro. Indagata nell'inchiesta sui rifiuti aperta mesi fa dalla Procura di Roma, i giudici chiariranno la sua posizione e i suoi rapporti con il "re della monnezza" Manlio Cerroni. Finisce così l'esperienza in Campidoglio dell'ex consulente decennale di Ama. Dai primi blitz di luglio in piena emergenza rifiuti, ai vari "spazzatour" nei quartieri più sporchi della città, dai processi mediatici alle indagini reali per abuso d'ufficio e reati ambientali. Sei mesi difficili, bersagliata su più fronti. Il vero tallone d'Achille della giunta Raggi. Invisa al Movimento, specie alla sua base e al direttorio, difesa solo dalla sindaca, protagonista di blitz e sopralluoghi rigorosamente in diretta su Facebook, accusata da più parti di non avere in mente alcuna strategia concreta per rivoluzionare il settore più delicato della città, i rifiuti. 

In qualche modo però questi sei mesi di Paola Muraro passeranno alla storia per alcuni episodi. Abbiamo provato a ripercorrere quelli più significativi
CLICCA SU CONTINUA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muraro, sei mesi di imbarazzo a cinque stelle. I sette momenti clou

RomaToday è in caricamento