Coronavirus, 400 vigilantes senza stipendio da 7 mesi: "Lavorano anche senza mascherine"

Il calvario dei dipendenti dell'istituto di vigilanza privata che ha rilevato la ex Sipro commissariata: "Da agosto nessuna retribuzione, è inaccettabile"

Senza stipendio da sette mesi e al lavoro senza le mascherine necessarie per contrastare il contagio da Coronavirus. Prosegue il calvario dei lavoratori della Secur, istituto di vigilanza privata operativa su tutto il territorio nazionale. A Roma circa 400 i vigilantes rimasti senza salario dal mese di agosto. 

Coronavirus, il calvario dei vigilantes Secur

A nulla sono servite le proteste dei lavoratori e dei sindacati: le famiglie degli uomini della Secur, che ha rilevato la ex Sipro commissariata, soffrono la crisi nonostante continuino  a lavorare. 

“E’una situazione assurda, inaccettabile: gli oltre 400 lavoratori dell’Isitituto di Vigilanza privata Secur presenti sul territorio non solo non percepiscono lo stipendio dallo scorso agosto, ma in questo momento drammatico mettono a repentaglio la loro salute svolgendo un servizio che è ritenuto essenziale senza essere dotati di mascherine. In tutto questo contesto – denunciano Filcams-CGIL di Roma e Lazio, Fisascat-CISL di Roma Capitale e Rieti e UilTucs Roma e Lazio - registriamo il silenzio assordante delle Istituzioni, che non ci danno alcuna risposta sul futuro di centinaia di persone, e dell’azienda, che a quanto ci risulta non ha organizzato piani di rientro per gli arretrati dei dipendenti”.

Coronavirus, vigilantes senza stipendio e senza mascherine

Da qui il sollecito a un intervento urgente da parte delle Istituzioni “su una situazione che sta superando ogni grado di immaginazione”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Chi vuole preservare il proprio lavoro è costretto a operare non soltanto senza retribuzione, ma anche senza i presidi necessari per la loro sicurezza, c’è chi invece si dimette per giusta causa a fronte di una situazione che sembra senza speranza, perdendo il proprio lavoro. Non è in alcun modo possibile che centinaia di persone – tuonano i sindacati - siano lasciate sole e senza diritti: continueremo a dirlo a gran voce e senza stancarci, finché non saremo ascoltati”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Ho preso il muro fratellì”, l’infrazione costa cara all’ex rapper, patente ritirata ed auto sequestrata

  • Coronavirus, 20 nuovi contagi tra Roma e provincia: 3786 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 10 nuovi contagi: sono 3635 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Omicidio suicidio a Roma: uccide la moglie e si spara dopo aver ferito il figlio

  • Coronavirus, a Roma 16 nuovi contagiati: nel Lazio sono 3786 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 15 nuovi contagiati: sono 3637 gli attuali casi positivi nel Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento