rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Coronavirus, il monito delll'Assessore: "Feste di Natale in modalità Covid, serve massimo rigore"

Alessio D'Amato: "L’incidenza e i decessi ancora sono elevati". L’attacco di Cobas alla Regione Lazio: "Chiarezza sui numeri”

Dalla Regione Lazio prevale la linea del rigore in vista delle prossime festività natalizie per scongiurare una nuova ondata di contagi da Covid-19. Il monito da parte del’assessore alla Sanità regionale Alessio D'Amato: “Se non ci sarà rigore nelle prossime festività natalizie il virus riprenderà a crescere ed è facile prevedere che possa accadere ciò che è avvenuto questa estate”. 

Il riferimento dell’assessorato alla sanità della Regione Lazio è alle nuove misure che il governo intende mettere in campo per i prossimi giorni. “Bisogna continuare ad essere rigorosi. L’incidenza e i decessi ancora sono elevati – ha aggiunto l’assessore Alessio D’Amato - Non si comprende come in Germania la signora Merkel fa un appello a rimanere a casa con 590 decessi e qui da noi con 760 si chiede di allentare le misure”.

Regione Lazio che ha dato il via all'apertura nel weekend dei megastore di Roma e del territorio regionale. Via libera che ha trovato l'attacco dei Cobas, che puntano il dito contro l’amministrazione regionale sul “presunto calo dei positivi”.

Per Cobas è “un azzardo la riapertura dei centri commerciali nei week end”. Francesco Iacovone, presidente del Cobas nazionale ha commentato: “La Regione Lazio deve fare chiarezza sui numeri il presunto calo dei positivi corrisponde a un vero e proprio crollo dei tamponi processati. E gli assembramenti a cui abbiamo assistito nei centri commerciali, soprattutto della Capitale, ci porteranno dritti alla terza ondata con ospedali già pieni e medicina del territorio al collasso”.

Inoltre, invocando la chiarezza sui numeri dai tamponi ai contagiati ha aggiunto: “Il settore ha già pagato un duro prezzo alla crisi sanitaria, l'affluenza nei luoghi del commercio crescerà e di conseguenza cresceranno le probabilità di contagio al Covid-19 per i lavoratori. Le scene che si continuano a vedere al centro commerciale Maximo ci danno il quadro esatto della situazione: nessun controllo degno di questo nome e cittadini che si ammassano in preda al delirio degli acquisti di Natale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il monito delll'Assessore: "Feste di Natale in modalità Covid, serve massimo rigore"

RomaToday è in caricamento