rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Politica Flaminio / Piazzale di Ponte Milvio

Il coronavirus non ferma la movida: da Trastevere a Ponte Milvio piazze piene ma "nun se po fa"

Nonostante le misure straordinarie per arginare i contagi da Covid-19 a Roma il sabato sera è senza preoccupazioni: giovani e meno affollano tavolini e dehors. D'Amato ammonisce: "Evitate assembramenti"

Il Coronavirus non ferma la movida di Roma. Nonostante il virus proveniente dalla Cina abbia obbligato il governo a prendere misure straordinarie per contenere i contagi, nella Capitale sono tantissimi coloro che non hanno rinunciato a vivere un sabato sera ordinario. 

Coronavirus non ferma la movida

Una “normalità” che nelle piazze della vita notturna di Roma, da Trastevere a Testaccio e poi ancora Ponte Milvio e Pigneto, si è lasciata alle spalle l’eccezionalità del momento. Sospese per effetto del decreto del presidente del Consiglio dei Ministri le attività dei pub, consentite quelle di ristorazione e dei bar "con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”.

Coronavirus: stop a pub, cinema, teatro e discoteche anche a Roma

Da Trastevere a Ponte Milvio piazze piene

A Roma pura illusione. Con locali e discoteche chiuse, la “gente della notte” si è riversata nelle piazze: piena la scalinata di piazza Trilussa, i vicoli di Trastevere, i tavolini di Testaccio come quelli di Ponte Milvio. Oltre il Coronavirus, la psicosi ma anche gli inviti quasi a reti unificate ad evitare spostamenti, assembramenti e momenti conviviali che possano in qualche modo favorire eventuali contagi. Romani e turisti non hanno rinunciato alla movida. 

L'assessore D'Amato: "Nun se po fa"

“Nun se po fa” – ha ammonito l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, postando una foto di Ponte Milvio piena. “Bisogna evitare assembramenti di massa e capire che per battere il Covid-19 è necessario senso di responsabilità da parte di tutti”. 

“Faccio un appello ai sindaci del Lazio perché valutino l'assunzione di provvedimenti con cui impedire assembramenti nei luoghi pubblici nei rispettivi Comuni. Usiamo la testa" - ha scritto su Facebook il vicepresidente della Giunta regionale del Lazio Daniele Leodori.

Movida Roma 2-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coronavirus non ferma la movida: da Trastevere a Ponte Milvio piazze piene ma "nun se po fa"

RomaToday è in caricamento