Politica

Coronavirus: i centri raccolta Ama aperti solo la mattina. Uffici Ta.Ri. chiusi al pubblico

Gli orari dei centri raccolta per ingombranti

Ama ai tempi del Coronavirus. L'azienda prende provvedimenti per adeguarsi ai contenuti dei decreti varati dalla presidenza del consiglio per il contenimento del contagio da Covid-19. In particolare i Centri di Raccolta Ama riservati ai rifiuti ingombranti, elettrici, elettronici e “particolari” fino al prossimo 3 aprile rimarranno aperti esclusivamente di mattina e con accessi scaglionati per consentire il mantenimento delle adeguate distanze di sicurezza. Le strutture rispetteranno i consueti orari antimeridiani: dal lunedì al sabato 7-12 e domenica  7-13.

"La riduzione dell’orario di apertura", spiega l'azienda, "si rende necessaria a seguito delle misure di contenimento e contrasto al diffondersi del virus Covid-19 sull'intero territorio nazionale e stabilite dal DPCM del 9 marzo. Nel raccomandare ai cittadini di limitare gli spostamenti solo alle situazioni di reale e incomprimibile necessità l’azienda ribadisce, come già comunicato in precedenza, che il servizio di ritiro a domicilio dei materiali ingombranti “Riciclacasa” resta comunque attivo anche se esclusivamente al piano stradale".

Inoltre Ama ha disposto la chiusura degli sportelli al pubblico per i servizi relativi alla Tariffa Rifiuti. Fino al 3 aprile prossimo, gli uffici Ta.Ri. di via Capo D’Africa 23/b, via Giovanni Amenduni (Ostia) e via Mosca 9 rimarranno dunque chiusi. L’assistenza ai cittadini verrà comunque garantita con i servizi on line dal portale www.amaroma.it e con il lavoro da remoto del personale in smart working, che sarà a disposizione degli utenti tramite “Telesportello” AMA contattabile attraverso il call center 06.06.06. "Tutte le pratiche avviate", spiega Ama, "seguiranno comunque il consueto iter di lavorazione".

Intanto ieri la sindaca Virginia Raggi, tramite il suo profilo facebook ha voluto "ringraziare tutti gli operatori di Ama per lo sforzo straordinario che stanno portando avanti in questi giorni di emergenza legata al Coronavirus e per il lavoro dedicato alla pulizia delle strade. In questi due giorni sono stati sanificati con un prodotto specifico circa 6.000 cassonetti in tutte le aree di Roma grazie a 10 autobotti che hanno lavorato di notte, per arrecare il minor disturbo possibile ai cittadini".

"Le operazioni", spiega Raggi, "continueranno anche nei prossimi giorni. Ringrazio ancora tutti i lavoratori che contribuiscono ad affrontare al meglio questa nuova sfida. Insieme ce la faremo".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus: i centri raccolta Ama aperti solo la mattina. Uffici Ta.Ri. chiusi al pubblico

RomaToday è in caricamento