Coronavirus, 24mila controlli in due giorni. Raggi: “Restate a casa”

Intensificati gli accertamenti della Polizia Locale. Raggi: “Particolare attenzione in parchi, mercati e nelle zone della movida”. Denunciati i romani che non hanno rispettato le limitazioni previste

Vigilare sul rispetto delle disposizioni impartite nel DPCM. A questo scopo, nel corso di venerdì 13 e sabato 14, solo la Polizia Locale di Roma Capitale ha eseguito 24mila controlli.

Le denunce

Sono state 9 le denunce scattate venerdì e tre casi irregolari riscontrati nella giornata di sabato. Tra questi anche il titolare di un’attività di vendita al dettaglio che è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il mancato uso da parte dei sui cinque dipendenti delle necessarie mascherine.

L'appello della Sindaca

Sono stati “rafforzati i controlli della Polizia Locale in tutta Roma” ha twittato la Sindaca, che ha inoltre sottolineato come “particolare attenzione” sia stata dedicata a “parchi, mercati e zone della movida”. Il tweet si è concluso con un appello che, dalla prima cittadina, era già stato lanciato: “Rispettate le regole, restate a casa".

I romani sul Tevere

Il numero di denunce elevate dalla Polizia Locale, a fronte dei controlli effettuati, lasciano supporre che il comportamento dei romani sia stato, nel corso di venerdì 13 e sabato 14, piuttosto responsabile. C’è chi però ha deciso di contravvenire alle prescrizioni contenute nel decreto governativo. Come i tanti cittadini che sono stati segnalati dal virologo Roberto Burioni sulle sponde del Tevere. Preso atto della loro presenza, la sindaca ha inviato due pattuglie dei vigili a verificare cosa stesse succedendo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il barbecue nella scuola

Non ci sono stati soltanto gli agenti della Polizia Locale a fare dei controlli. Sabato 14 i Carabinieri de La Storta, avendo ricevuto diverse telefonate di cittadini che avevano avvistato una colonna di fumo in un giardino scolastico, si sono recati a vedere cosa stesse succedendo. All’interno del plesso, un istituto privato di Roma Nord, sono state sorprese diverse persone ed anche sette bambini., che stavano partecipando ad un barbecue. Dieci adulti, tra insegnanti e dirigenti dell’istituto stesso, sono state denunciate per la violazione delle misure di contenimento del contagio da nuovo Coronavirus.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus: 10 nuovi positivi nel Lazio, dal 3 giugno sorvegliati speciali stazioni ed aeroporti

  • Coronavirus: a Roma 5 nuovi casi, sono 11 in totale nel Lazio. I dati Asl del 27 maggio

Torna su
RomaToday è in caricamento