Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Coronavirus, i buoni spesa si ritirano anche negli uffici postali

L'accordo tra Comune e Poste Italiane per un'erogazione veloce dei ticket destinati a famiglie in difficoltà. Raggi: "Importante che chi ne ha necessità possa usufruirne prima possibile"

Non solo ticket accreditati direttamente sulla App per smartphone o consegnati a domicilio dai vigili: i buoni spesa del comune destinati alle famiglie in difficoltà durante l’emergenza Coronavirus possono essere ritirati anche negli uffici postali. 

Coronavirus, buoni spesa si ritirano negli uffici postali 

Un nuovo canale, attivato dal Roma Capitale grazie alla collaborazione con Poste Italiane, per garantire maggiore velocità e capillarità nella distribuzione. 

“È importante che chi ne ha necessità possa usufruire di questo aiuto il prima possibile” – ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi. I cittadini interessati riceveranno un avviso tramite sms o una mail che indicherà le modalità per il ritiro dei blocchetti cartacei agli sportelli postali. Su 210 uffici di Poste Italiane a Roma ne sono rimasti aperti 135. (qui l’elenco

Rimarranno tuttavia attive le modalità di consegna tramite applicazione per smartphone, qualora si sia optato per questa soluzione, o a domicilio per chi ha maggiori difficoltà a muoversi di casa.

Buoni spesa alla posta, Raggi: “Canale veloce per aggiungere famiglie”

“Grazie alla collaborazione con Poste Italiane abbiamo fatto un altro passo in avanti per garantire che i Buoni Spesa raggiungano velocemente le famiglie che ne hanno bisogno. Un lavoro di squadra nell’interesse dei nostri cittadini. Un esempio – ha concluso Raggi - di quanto sia importante lavorare insieme, a tutti i livelli, per affrontare questa emergenza. Solo uniti la supereremo, uscendone più forti di prima”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, i buoni spesa si ritirano anche negli uffici postali

RomaToday è in caricamento