Coronavirus, gli architetti del Lazio oltre l'emergenza: "Crisi sistemica, serve una visione a lungo termine"

La federazione degli architetti del Lazio ha presentato un documento con una serie di proposte

Ansa/Andrea Fasani

"La ripresa dell’economia dopo il coronavirus: un piano economico per il rilancio della filiera del mondo edile". Con un documento che porta questo titolo la federazione degli Ordini degli Architetti del Lazio ha avanzato "una serie di proposte e soluzioni possibili per superare quegli ostacoli che negli ultimi decenni hanno reso difficile l’azione dei professionisti del settore". Lo definiscono un 'Cura Italia dell’edilizia' perché, si legge nel comunicato stampa, "se l’emergenza impone di far fronte ai mancati incassi e le commesse sfumate, è proprio questo il momento di mettere in campo una riforma strutturale che parta da una strategia e una visione di lungo termine".  
L'emergenza Covid-19, così come in altri settori, ha costretto gran parte delle professioni tecniche legate al mondo dell'edilizia a sospendere le proprie attività. "La paralisi di gran parte del sistema economico legato al mondo dell’architettura e dell’edilizia in genere, cancellerà qualsiasi tipo di ripresa del settore già penalizzato dalla persistente crisi che si è aperta nel 2007 e che oggi possiamo definire sistemica". Per questo "sono necessarie misure urgenti ed efficaci che tengano conto di tutta la filiera del settore edile: imprese, professionisti, rivendite dei materiali, artigiani e agenti immobiliari. Sarà necessario far fronte non solo ai mancati incassi, ma anche e soprattutto alle mancate commesse".

Ecco le proposte: snellimento dei tempi e delle procedure; detrazioni fiscali per la riqualificazione degli edifici storici; istituzione di uno Sportello Unico nelle varie amministrazioni; allineamento delle diverse piattaforme digitali; rivisitazione dei piani di rigenerazione urbana e piano straordinario per le periferie e l’emergenza abitativa". E poi, "rilancio di un piano per la messa in sicurezza degli edifici, azioni coordinate per arginare i fenomeni di dissesto idrogeologico, l’adeguamento sismico, l’eliminazione delle barriere architettoniche. 
Il documento mette sul piatto soluzioni concrete anche in termini economici: finanziamenti agevolati per l’efficientamento energetico, istituzione di un fondo per dare nuovo impulso a opere pubbliche e di un fondo a sostegno della libera professione. Inoltre: detrazioni, impulso al mecenatismo, coinvolgimento di CDP. Sono solo alcune delle proposte contenute nel testo degli architetti del Lazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La sospensione dei vincoli imposti dal patto di stabilità, annunciata dalla Commissione Europea" si legge nel testo "deve essere colta come l’opportunità di una “Cura Italia” più ampia dell’emergenza di queste settimane a che si dispieghi negli anni a venire, in una inversione di tendenza degli investimenti pubblici per un grande progetto di ricostruzione/rigenerazione delle città e del territorio Italiano. Un progetto pubblico che trascinerà anche il settore privato e tutta l’economia che trova stimolo nel sistema delle costruzioni. Questo è l’unico modo per poter iniziare un nuovo periodo di sviluppo con straordinario valore morale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento