Cultura, ok della giunta al nuovo contratto con Zètema: "Verso un sistema ordinato e trasparente"

L'accordo ha validità triennale. Bergamo: "Passaggio importante nel percorso di riordino delle istituzioni culturali"

Il vicesindaco e assessore alla Cultura, Luca Bergamo

Ok dalla giunta Raggi al nuovo contratto di affidamento per la gestione degli eventi culturali della città alla società Zetema. Approvato ieri su proposta dell'assessorato alla Cultura del vicesindaco Luca Bergamo, all'interno di un percorso di riorganizzazione degli e nti e delle istituzioni culturali capitoline, l'accordo avrà validità triennale, fino al 31 dicembre 2019. 

"E’ un contratto - spiega il Campidoglio tramite nota stampa - che da una parte punta a ridefinire il profilo strumentale del rapporto tra la società e il Campidoglio attraverso la trasversalità del suo operato rispetto alla molteplicità dei servizi erogati finalizzati alla valorizzazione dei beni artistici e culturali: viene quindi applicato un criterio sistemico volto a strutturare il lavoro per prestazioni e/o forniture omogenee invece che per strutture-clienti secondo le impostazioni tradizionali. Dall’altra, è finalizzato a rendere più efficace il monitoraggio delle prestazioni rese e a fornire un quadro più chiaro dei servizi erogati".

L'accordo con la società in house si inserisce in "un percorso di iniziative strategiche avviate da questa Amministrazione che vede in particolare, anche in considerazione del nuovo assetto della macrostruttura capitolina: dal primo ottobre 2017 la valorizzazione, la programmazione e la gestione del Teatro Scuderie di Villino Corsini, del Teatro Biblioteca Quarticciolo, Teatro Tor Bella Monaca, Teatro del Lido e del Teatro di Villa Torlonia sarà affidata all’Associazione Teatro di Roma (dal primo gennaio 2018 comprenderà anche il Silvano Globe Theatre)"

E ancora "dal primo gennaio 2018 la programmazione e la gestione del complesso del MACRO – Museo di Arte Contemporanea (Via Nizza, Testaccio e La Pelanda) sarà affidata in accordo con la Sovrintendenza Capitolina all’Azienda Speciale Palaexpo per la creazione del Polo espositivo dell’arte della cultura contemporanea". Zètema Progetto Cultura provvederà poi "alla gestione operativa complessiva della Casa del Cinema e della Fiction".
 
"Si tratta di un importante passaggio nel percorso di riordino delle istituzioni culturali verso la costruzione di un sistema ordinato e trasparente. Con il nuovo contratto approvato oggi dichiara il vicesindaco Luca Bergamo uno dei dati fondamentali è la triennalità che serve a riposizionare progressivamente la società Zètema Progetto Cultura nell’alveo della fornitura dei servizi integrati per cui è stata costituita e con cui si rafforza la capacità progettuale attraverso i provvedimenti che seguiranno e che riguarderanno l’Azienda Speciale Palaexpo, Fondazione Musica per Roma e Teatro di Roma. Il provvedimento inoltre produce risparmi, risorse senza effetti sui servizi e sul personale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento