rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Politica

Giuseppe Conte non correrà per le suppletive a Roma: smentita la candidatura per il collegio di Primavalle

Il nome dell'ex presidente del Consiglio era in discussione per il collegio Lazio 1 – 11, ma l’"avvocato del popolo" smentisce

La querelle su Giuseppe Conte candidato alle elezioni suppletive in un collegio di Roma Capitale è durata un weekend: doveva essere la mossa dell’arrocco, con Enrico Letta candidato a Siena nel collegio lasciato libero da Pier Carlo Padoan e l’ex presidente del Consiglio in corsa nel collegio di Primavalle. Sul Corriere della Sera in edicola il 7 giugno, l’avvocato del popolo si schermisce: “Mai pensato”.

"Mi farebbe davvero molto piacere restituire quello che Roma mi ha dato. Ma non posso assumere con i romani impegni che non potrei mantenere. Devo dedicarmi a tempo pieno alla ripartenza del Movimento", spiega l’ex presidente del Consiglio al quotidiano di via Solferino. Il collegio in questione è stato lasciato libero dalla deputata Emanuela Claudia del Re che è stata nominata inviata speciale dell’Unione Europea per il Sahel e si è dimessa dalla Camera dei Deputati. Comprende parti rilevanti dei municipi XII, XIII e XIV di Roma Capitale, come i quartieri Torrevecchia, Primavalle, Battistini, Trionfale, Pisana, Corviale, Bravetta, Casetta Mattei e Casalotti.

OPINIONI - L'equivoco Virginia Raggi e l'alleanza giallorossa

In questo collegio nel 2017 il M5S era arrivato primo eleggendo appunto una deputata, il centrodestra secondo e il PD terzo. Sommando i due elettorati giallorossi, la vittoria per Conte poteva essere anche ipotizzabile. Senonché un sondaggio diffuso da Youtrend nella giornata di venerdì 4 giugno aveva sparso più di un dubbio sulla solidità della corsa: giallorossi e centrodestra correrebbero praticamente appaiati, con percentuali reciproche del 46% e poco più, ben all'interno del margine di errore.

Su Il Tempo Francesco Storace, editorialista della destra romana, già presidente della Regione Lazio, vicedirettore del quotidiano di piazza Colonna e indipendente vicino (ma critico) a Fratelli d’Italia, sibila: “Eravamo stati facili profeti. Per gli affari suoi Giuseppe Conte resta un abile calcolatore e ha capito che non avrebbe ricavato un risultato utile nel collegio romano per la Camera di Primavalle, dove si voterà a ottobre in coincidenza con le comunali della città. Il governo Raggi è una tomba per chiunque si candidi sotto le insegne pentastellate e certo non sarebbe possibile un’intesa col Pd, che è pure devastato dalle ambizioni territoriali con le primarie per tentare di conquistare il seggio”. Secondo Storace, si tratta di una “fuga”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuseppe Conte non correrà per le suppletive a Roma: smentita la candidatura per il collegio di Primavalle

RomaToday è in caricamento