Nuovi divieti nei consultori, stop alle "assemblee in rosa": donne in rivolta

La decisione della Asl Roma 2 blocca le riunioni delle Assemblee delle donne, perché "non rispettano la normativa". La replica: "C'è un regolamento di maggio 2018"

Assemblea delle donne in cortile

Niente più assemblee delle donne nei consultori familiari di Roma est. Lo denunciano le dirette interessate - "siamo state costrette a riunirci in cortile" - ma lo mettono nero su bianco anche i vertici dell'azienda sanitaria. Nell'ultima mail di una lunga corrispondenza andata avanti settimane, datata 3 settembre, il dott. Massimo Malvaso della Asl Rm 2 ribadisce quanto già precedentemente stabilito e comunicato a fine luglio: "Nessuna Assemblea delle Donne ha e avrà alcuna autorizzazione a riunirsi nelle sedi ASL dei CCFF". E ancora: "Il regolamento precedente deve essere considerato nullo". 

Eppure le assemblee si sono sempre riunite, come strumenti di valutazione e monitoraggio dei servizi offerti nei consultori, gli spazi delle aziende sanitarie regolamentati dalle legge 405 del 29 luglio 1975 dove si offrono attività di promozione della salute rivolte a donne, adolescenti, coppie. E allora vi troviamo psicologi, ostetriche, ginecologi, operatori che a specifici sportelli garantiscono supporto sulle più varie tematiche: gravidanze, prevenzione dei tumori, violenza di genere. 

"Ci siamo incontrate una volta a settimana per mesi nelle sedi della Asl Roma2, ma ieri non ci hanno fatto entrare. E' un nostro diritto, stabilito dalla legge regionale 15 del1976" denuncia a RomaToday Roberta Regni, del Coordinamento Assemblee delle donne. Sono tre i consultori interessati: piazza dei Condottieri, via Resede (ma la sede è chiusa per lavori) e via Carlo Denina. Il divieto vale per tutti. 

La ragione? Normativa, per l'azienda sanitaria. "Non sono permessi incontri nelle strutture nei periodi in cui non è prevista attività di vigilanza o la presenza di un operatore, ciò al fine di garantire la tutela dei dati personali degli utenti ed gli eventuali infortuni che potrebbero accadere nel periodo di permanenza nella struttura". E poi, sempre a detta della Asl, "le Assemblee delle donne non vogliono sottoscrivere il Regolamento a tutela delle attività sanitarie aziendali e della normativa della privacy"

Diversa la versione fornite dalle interessate. "Ricordiamo che un regolamento per lo svolgimento delle assemblee all’interno dei locali consultoriali è stato siglato in data 17 maggio 2018" si legge nella replica alle dichiarazioni dell'azienda. "Tutte le tutele delle attività sanitarie aziendali e della normativa della privacy richieste vi sono puntualmente descritte e sono state sottoscritte". Una decisione a sorpresa secondo le attiviste, convinte che si tratti di una "evidente ritorsione" per "un documento con il quale denunciavamo gravi disservizi organizzativi e strutturali nei consultori".

Già, un acceso confronto (scontro, a tratti) è in corso sullo sfondo. Il collettivo al femminile che utilizzava gli spazi per confronti e riunioni, ha chiesto più volte alla Asl alcune migliorie dei servizi in essere, denunciando "le difficoltà in cui si trovano ad operare i consultori del nostro territorio e i relativi disagi per l’utenza" come spiegato in un documento recapitato alla Asl. In particolare "l'odierno orientamento aziendale che privilegia due linee di attività, quella vaccinale e quella ostetrica". A discapito di tutta la sfera dei percorsi socio-assistenziali legati ai giovani, alle pratiche abortive, alla violenza di genere.  Le Assemblee delle donne, quelle stoppate, rappresentavano un momento di confronto anche su questi temi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento