Periferie, i consorzi di autorecupero bocciano Berdini: "Non ci riceve". Annunciato un sit-in in Campidoglio

Il difficile rapporto col Campidoglio segnalato dal Coordinamento delle Associazioni e dei Consorzi di Autorecupero della Periferia romana, non facilita l'approvazione di molti toponimi. Numerosi quartieri ex abusivi rischiano di rimanere senza servizi essenziali

Ha atteso due mesi. Poi ha emesso il verdetto. Il Coordinamento delle Associazioni e dei Consorzi di Autorecupero della Periferia romana, ha deciso di bocciare l’attuale maggioranza capitolina. “Lo sviluppo dei rapporti tra Amministrazione e perieria organizzata è negativo”. Le aspettative sedimentate in questi mesi, non hanno portato i risultati attesi.

L'INDIFFERENZA DI BERDINI - I motivi di questa stroncatura, sono elencati in un documento condiviso dal coordinamento. Nel testo si fa riferimento al “mancato incontro con l’assessore all’Urbanistica, più volte richiesto e più volte annullato”; ma anche ai “difficili colloqui con la commissione Urbanistica”,ai “rapporti disarticolati con i Municipi per l’assenza di un disegno politico”. Ragioni che nel complesso  “rappresentano motivo di forte preoccupazione per la Periferia". Quello che si vorrebbe, è provare a velocizzare i tempi per l'approvazione dei toponimi. I progetti esecutivi presentati dalle Associazioni di autorecupero sono 44, ma di questi ne sono stati adottati 27 mentre soltanto 3 sono stati definitivamente approvati.

La situazione è quella che venne fotografata due mesi addietro allo Sheraton Parco dei Medici.  "L’Assemblea generale del 23 novembre scorso ha rappresentato un momento alto di partecipazione ed anche di dialogo con le forze politiche ed amministrative del Comune e della Regione, ma le aspettative che ne sono scaturite – spiega il Coordinamento – ad oggi non hanno avuto riscontro”. Come aveva spiegato il Consigliere De Juliis del IX Municipio, territorio in cui si concentrano molti toponimi,  "C’è bisogno del via libera dell’Assemblea Capitolina. L’iter amministrativo prevede infatti che siano votati prima in Consiglio Comunale, poi in Aula Giulio Cesare ed infine dell’Assemblea Regionale”. Senza questo passaggio, la strada per l'approvazione definitiva resta in salita. E per molti quartieri sorti abusivamente e poi condonati, rimangono un miraggio servizi come le strade, le scuole e le fognature.

IL SIT-IN - "Il quadro negativo è aggravato dal fatto che, “alla nuova richiesta d’un incontro con l’Assessore all’Urbanistica, non è  stata ricevuta alcuna risposta”. Un impasse che si è deciso di romperere, programmando “per giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 17.00 un sit-in in Piazza del Campidoglio”.  Con l’occasione verrà chiesto di “formulare un piano di lavoro condiviso per giungere, entro il mese di giugno, all’adozione dei “Toponimi” non ancora adottati. Di puntare ad una “rapida e definitiva approvazione dei progetti di opere di urbanizzazione già definiti dalle Conferenze dei Servizi svolte” e di “potenziare urgentemente la struttura dell’Ufficio Condono Edilizio, per porre fine agli inaccettabili ritardi e per avviare un accelerato rilascio delle concessioni in sanatoria”.

IL SUPPORTO DEL PD - Le richieste del Consorzio, cominciano a trovare delle sponde nell’opposizione capitolina . Il primo a sottoscrivere l’appello è il Consigliere dem Gianluca Pelonzi. “Piu' volte abbiamo sollecitato in commissione urbanistica l’ avvio di un confronto relativo agli interventi di riqualificazione nelle periferie per il completamento di iter amministrativi già in fase avanzata di attuazione. Purtroppo dall''attuale giunta non abbiamo ancora registrato un interesse positivo a dialogare e a confrontarsi su questi temi”. A fronte di questa condizione “ome gruppo del Pd il 2 febbraio incontreremo le associazioni dei Consorzi di autorecupero – annuncia il consigliere capitolino che aggiunge -  già da ora intendiamo sollecitiamo l''amministrazione capitolina a riaprire un dialogo costruttivo con le associazioni che da anni sono impegnati su temi cruciali delle periferie della Capitale".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

Torna su
RomaToday è in caricamento